you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Positivi in 15 classi: 140 isolati

In Veneto 20mila alunni coinvolti. Ma dal ministero indicazioni contrastanti sulla quarantena

Positivi in 15 classi: 140 isolati

14/01/2022 - 10:01

Quindici classi con almeno un positivo, trecento studenti coinvolti e circa 140 in quarantena. E’ il bilancio dei primi tre giorni di riapertura delle scuole nella nostra provincia, in base ai dati forniti ieri mattina, in conferenza stampa, di fianco al governatore Luca Zaia, dall’assessore alla sanità della Regione Veneto Manuela Lanzarin. Ma sulle quarantena scoppia il caso, perché le circolari arrivate dal governo sono contraddittorie.

La Lanzarin, intanto, ha fornito il quadro delle situazione relativo al contagio nelle scuole. Da cui emerge che, in tutto il Veneto, sono già più di mille le classi in cui è stata accertata la presenza di alunni positivi, in questi primi giorni dopo il rientro dalle lunghe vacanze natalizie. Per la precisione, a livello regionale sono 1.039 le classi con almeno un caso di positività, 254 delle quali già finite in isolamento. Un problema che coinvolge la bellezza di 20mila alunni, 5mila dei quali posti in quarantena.

Su scala ridotta, fanno comunque impressione i numeri relativi alla nostra provincia, specialmente se si considera che stiamo parlando di un fenomeno che si è sviluppato in appena tre giorni di scuola, tra lunedì e mercoledì appunto. E allora, in Polesine sono - come detto - quindici in tutto le classi con almeno una positività accertata: di queste, sette sono già finite in isolamento. A conti fatti, su 300 studenti coinvolti, e che dunque potrebbero essere venuti in contatto con un compagno positivo, 140 sono attualmente costretti all’isolamento, e dunque a proseguire le lezioni soltanto attraverso la Dad.

Ma le quarantene dei bambini sono al centro della polemica, per l’esistenza di due circolari ministeriali contraddittorie: la prima, del 30 dicembre, abolisce la quarantena per chi è stato a contatto con positivi, purché vaccinato da meno di 120 giorni; la seconda, dell’8 gennaio, dispone un isolamento di 10 giorni per gli studenti, nel caso ci siano due casi nella stessa classe, indipendentemente dallo stato vaccinale dei ragazzi. Un caos, se si considera che - per assurdo - un bimbo vaccinato è libero di andare a scuola se ha i genitori positivi, ma deve restare a casa se ha due compagni di classe malati.

A questo proposito, risponde Francesca Russo, direttrice del dipartimento regionale di prevenzione, traccia la linea: “In attesa di precisazioni, valgono le indicazioni specifiche previste dalla circolare per il contesto scolastico”. Dunque, isolamento con due casi positivi nella stessa classe.

Sempre nel corso della conferenza stampa di ieri mattina la Lanzarin ha presentato la delibera approvata dalla giunta regionale martedì, relativa ai tamponi. Vi si legge che “si prevede di riorientare l’attività di testing dei medici di medicina generale e dei pediatri di ibera scelta destinando prioritariamente la stessa ai casi sintomatici sospetti per Covid, e in subordine ai contatti stretti asintomatici, anche per l’eventuale tampone previsto per il termine del periodo di quarantena”. Insomma, priorità assoluta ai sintomatici.

Nel testo, poi, si riconferma che - in ogni caso - le attività previste nei protocolli d’intesa “rappresentano ad ogni effetto degli obblighi contrattuali per i medici di medicina generale e per i pediatri di libera scelta, e sono condizione per l’accesso ed il mantenimento della convenzione ai sensi e per gli effetti della disposizione” prevista dai rispettivi accordi collettivi nazionali vigenti. Dunque, medici e pediatri non possono rifiutarsi di eseguire i tamponi. E saranno le Ulss a vigilare sul rispetto del provvedimento.

La giunta ha fissato anche i prezzi del tampone: 40 euro per il molecolare, 20 per il rapido.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl