Cerca

PORTO TOLLE

La nuova casa dei custodi della terra

Il direttore Coldiretti Parizzi: “Merito a Tugnolo e Cassetta che hanno sfatato le voci su una sua chiusura”

La nuova casa dei custodi della terra

Il direttore Parizzi: “Merito a Tugnolo e Cassetta che hanno sfatato le voci su una sua chiusura”

La Coldiretti trova una nuova casa a Porto Tolle. Giovedì pomeriggio scorso è stata inaugurata la nuova sede locale dell’associazione dei coltivatori diretti, che si trova in via Matteotti 208 a Ca’ Tiepolo.

Alla presenza di cittadini, associati e istituzioni il suo presidente locale Adriano Tugnolo ha tagliato il nastro con il vicesindaco Silvana Mantovani, il presidente di Coldiretti Rovigo Carlo Salvan e la benedizione di don Yacopo. Erano inoltre presenti il direttore di Coldiretti Rovigo Silvio Parizzi, lo staff di Coldiretti Porto Tolle e Taglio di Po, con il responsabile di zona Matteo Cassetta, il consigliere comunale Valerio Gibin, il comandante della Polizia locale Michela Trombin e il dirigente della Polizia di Stato Fabio Montedoro.

Il presidente Tugnolo ha salutato i presenti e ringraziato l’amministrazione, le forze dell’ordine, il presidente e il direttore provinciale di Coldiretti per essere intervenuti e reso merito allo staff di Taglio di Po e Porto Tolle per il lavoro fatto per la nuova sede.

La vicesindaco Mantovani, presente al posto di un sindaco Roberto Pizzoli indisposto, ha portato i suoi saluti per “un evento a cui teniamo particolarmente”. “Anche se si tratta di piccole sedi, questi momenti sono davvero importanti perché l’agricoltura ha bisogno di punti di riferimento, specie in periodi come quello che stiamo vivendo, un cui emergono fragilità che vanno attenzionate - ha proseguito la Mantovani - il confronto con le associazioni di categoria è indispensabile per l’amministrazione comunale. Ringrazio chi prende parte ogni giorno al supporto sociale, tecnico-economico, sindacale, tributario di chi opera nel settore agricolo di Porto Tolle”.

Ha quindi preso la parola il direttore Parizzi, il quale ha ringraziato della presenza e del lavoro fatto. “Sia Adriano Tugnolo che Matteo Cassetta, responsabile di zona, hanno il merito di aver sfatato le voci che dicevano che la nostra sede stesse per chiudere - ha sottolineato Parizzi -anzi, questa giornata è una nuova partenza. Avere una sede dignitosa che possa mettere a proprio agio chi ci lavora ogni giorno e gli associati è un dovere. Grazie a chi ha lavorato per realizzare questo trasferimento che ha richiesto parecchio impegno”.

A chiudere le parole del presidente provinciale di Coldiretti, Salvan. “Per me è un piacere essere qui oggi. Quando Coldiretti riesce a riorganizzare le proprie strutture è motivo di orgoglio - ha dichiarato - Coldiretti, a qualsiasi livello, mantiene sempre buoni rapporti con le amministrazioni locali e le presenze di oggi dimostrano la necessità di cooperare per superare le difficoltà del mondo agricolo e di chi lavora per il territorio. Quello del Delta è un ambiente che merita attenzione ed il plauso va a chi ha creato questa nuova realtà per offrire la propria presenza e supporto ai nostri associati”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy