you reporter

271mila denunce infortuni nei primi cinque mesi del 2017

87652
Nei primi cinque mesi di quest’anno le denunce d’infortunio pervenute all’Inail sono state 271.948, 548 in meno rispetto allo stesso periodo del 2016 (-0,2%), sintesi di un calo infortunistico dello 0,5% registrato per i lavoratori (oltre 900 casi in meno) e di un aumento dello 0,4% tra le lavoratrici (quasi 400 in più). Alla diminuzione hanno contribuito soltanto l'agricoltura (-6,4%) e la gestione conto Stato studenti delle scuole pubbliche statali (-3,3%), mentre le gestioni industria e servizi e conto Stato dipendenti hanno fatto segnare un aumento, pari rispettivamente allo 0,7% e al 2,7%. Nella sezione 'Open data' del sito Inail sono, infatti, disponibili i dati analitici delle denunce d’infortunio e malattia professionale presentate all’Istituto entro il mese di maggio. Si tratta di dati provvisori, perché per quantificare i casi accertati positivi sarà necessario attendere il consolidamento dei dati del 2017, con la conclusione dell’iter amministrativo e sanitario relativo a ogni denuncia.


Nella stessa sezione sono pubblicate anche le tabelle del 'modello di lettura' con i confronti 'di mese' (maggio 2016 contro maggio 2017) e di periodo (gennaio-maggio 2016 contro gennaio-maggio 2017). Il confronto richiede cautele, in particolare rispetto all'andamento degli infortuni con esito mortale, perché soggetto all’effetto distorsivo di 'punte occasionali' che può essere attenuato solo prendendo in considerazione un intervallo di osservazione più ampio.


A livello territoriale, le denunce di infortunio aumentano al Nord (quasi 2.500 casi in più) e diminuiscono nel Centro-Sud (-3.000). Gli aumenti maggiori in valore assoluto si sono registrati in Lombardia (+1.459 denunce) ed Emilia Romagna (+574), mentre le riduzioni più sensibili sono quelle rilevate in Puglia e Sicilia (-777 e -764 casi rispettivamente).


Dopo l’aumento registrato nel primo trimestre (pari al +5,9%) e quello notevolmente più contenuto del primo quadrimestre (+0,2%), quest’anno si assiste per la prima volta a un’inversione di tendenza, che si traduce in un lieve calo infortunistico dello 0,2% nel confronto 'di periodo' gennaio-maggio 2016-2017. Tutto ciò in presenza di un identico numero di giorni lavorativi sia per i mesi di maggio 2016-2017 (22) sia per l’intero periodo gennaio-maggio (104).


Le denunce di infortunio mortale presentate nei primi cinque mesi di quest'anno sono state 375, 11 in più rispetto ai 364 decessi dell’analogo periodo del 2016 (+3,0%). L’incremento è legato sia alla componente maschile, i cui casi mortali salgono da 327 a 334 (+2,1%), sia a quella femminile che registra un incremento da 37 a 41 decessi (+10,8%). L’aumento di 11 casi è la sintesi di andamenti diversi osservati nelle singole gestioni. L’industria e servizi è la sola a registrare un incremento (da 285 a 320 decessi, pari al +12,3%) decisivo poi nel saldo negativo finale, mentre agricoltura e conto Stato presentano una diminuzione, rispettivamente da 53 a 43 casi (-18,9%) e da 26 a 12 (-53,8%).


A livello territoriale, al Nord-Ovest che vede aumentare le denunce di infortuni mortali di 22 casi (Lombardia +13 decessi, Liguria +5 e Piemonte +4), si contrappone il Centro per il quale si registra, invece, un calo di 21 decessi (Marche -8 casi, Toscana -6, Umbria -4 e Lazio -3). Nel Mezzogiorno solamente Abruzzo (+12 casi), Sicilia (+8) e Puglia (+3) contribuiscono all’aumento dei casi mortali (+9 per l’intera area geografica), mentre nel Nord-Est solo il Friuli Venezia Giulia presenta un incremento (+6).

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl