you reporter

Ladro incastrato dalla sua pipì<br/> condannato un 24enne moldavo

Giacciano con Baruchella

50031
GIACCIANO CON BARUCHELLA - Prima tentò di far saltare il bancomat dentro il centro commerciale “Il Faro” di Giacciano con Baruchella, poi, non riuscendo nel suo intento, si rinchiuse nel sottotetto per sfuggire alle forze dell’ordine che si erano messi sulle sue tracce. Pensava di averla scampata liscia Alexandru Capetean, moldavo 24enne, ma nel suo rifugio “perfetto” dimenticò un sacchetto pieno di urina. Prova inconfutabile della sua identità. E’ per questo che il giudice Carlo Negri lo ha condannato ieri a tre anni per tentato furto aggravato.

I fatti risalgono al 15 marzo del 2009. Il ragazzo aveva tentato di impossessarsi del denaro contenuto nella colonnina del bancomat della banca di credito cooperativo del Polesine, all’interno del centro commerciale di Giacciano con Baruchella, in via Scavezza. L’uomo durante la notte, dopo aver tagliato la grata del lucernaio del tetto, era stato sorpreso dall’allarme. Allora aveva fatto retromarcia e per non incappare nelle forze dell’ordine, si era nascosto nell’intercapedine tra interno e tetto.
Qui ci era rimasto un bel po’ di ore, finché non gli era scappata la pipì. Probabilmente per evitare spiacevoli fuoriuscite dal tetto mentre all’interno del centro commerciale erano febbrili i rilievi, aveva conservato la sua urina dentro il sacchetto. Andando via, però, l’aveva dimenticata. Da qui il pm Fabrizio Suriano e la polizia giudiziaria tramite l’analisi del Dna erano riusciti a risalire all’identità del moldavo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl