you reporter

"Profughi all'asilo" è allarme in paese, ma il sindaco smentisce

Ceregnano

profghi[1].JPG

Un gruppo di profughi appena giunto in Italia

14/09/2016 - 13:20

Sessanta profughi nel cuore del paese, distribuiti tra l’ex asilo e il punto sanità”. Una voce di piazza, che però ha destato la preoccupazione degli abitanti di Ceregnano. Che hanno temuto l’arrivo imminente di una vera e propria ondata di profughi, proprio nel centro del comune mediopolesano.



Ma il sindaco Ivan Dall’Ara ridimensiona la vicenda, e smentisce completamente che quei due immobili, l’ex asilo Monumento ai caduti e lo stabile che ospita il punto sanità, siano a disposizione di progetti di accoglienza: “Ho chiesto anche al prefetto - dice netto - e mi ha detto che è una notizia destituita da ogni fondamento”.



L’ex asilo, di proprietà della Regione e amministrato da un commissario, “non è nelle condizioni per ospitare nessuno”, dice Dall’Ara; mentre il punto sanità, di proprietà dell’Ulss ma in comodato d’uso al comune, “manca persino del riscaldamento - aggiunge Dall’Ara - abbiamo un progetto per sistemarlo, ma certamente non ad uso abitativo. Pensiamo di metterlo a disposizione delle associazioni del territorio”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Polesine i nostri primi 70 anni

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl