you reporter

Istituti polesani, il procedimento si blocca ai nastri di partenza

Tribunale

46754

Gli Istituti Polesani di Ficarolo

Si blocca già ai nastri di partenza il procedimento penale per truffa sulle schede sanitarie, all'interno degli Istituti Polesani. Stamattina 28 settembre, il giudice per l'udienza preliminare Alessandra Martinelli, che la scorsa settimana ha clamorosamente prosciolto otto vertici degli Istituti polesani e dell'Ulss 18, dall'accusa di abuso d'ufficio ed esercizio arbitrario della professione, ha deciso di astenersi dal decidere su quest'altro filone d'indagine, coordinata dal pm Sabrina Duò.



L’inchiesta per truffa aggravata ai danni dello stato e frode nelle pubbliche forniture, in cui sono coinvolti 13 indagati. Si tratta di sei milioni e 700mila euro che la Regione, per l’accusa tratta in inganno, avrebbe erogato dal luglio 2006 al settembre 2014, per l’assistenza a 61 pazienti degli Istituti Polesani di Ficarolo, falsamente rivalutati da degenti di media intensità assistenziale a pazienti ad alta intensità.


Il gip Martinelli ha motivato la sua decisione con ragioni di inopportunità, avendo già deciso in un procedimento connesso e che coinvolge in qualche caso le stesse persone. Il caso, dunque, andrà a un altro giudice per le indagini preliminari. Non a Pietro Mondaini, che si è pronunciato favorevolmente per il sequestro per equivalente nella stessa indagine.


Tutti i dettagli sulla Voce in edicola il 29 settembre

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl