you reporter

"Ficarolo, le barricate sono pronte" parola di "Naomo"

Profughi

nicola lodi naomo.jpg

Nicola

04/11/2016 - 07:00

E' una "rete" nata fra il Veneto ed Emilia Romagna contro l'arrivo di richiedenti asilo: partita da Abano, è passata da Gorino ed è arrivata a Ficarolo, è la nuova "frontiera" della protesta.



Nicola Lodi - ma tutti lo chiamano "Naomo" - fa il barbiere a Ferrara, dove è anche responsabile del settore sicurezza della Lega Nord. Lui a Gorino c'era e nei giorni scorsi è stato visto a Ficarolo. E' uno dei leader dei comitati anti arrivo di migranti: "Io non sono razzista e non ho mai alzato un dito contro nessuno. Io non uso violenza".



A Ficarolo racconta di aver già messo su un gruppo di informatori, sentinelle, attivisti: "Abbiamo organizzato una chat, ci saranno una quarantina di persone: agricoltori, ragazzi che frequentano il bar, operai che a turno fanno un giro all'Hotel Lory per controllare che sia tutto a posto. Ogni ora c'è qualcuno che controlla: al primo segnale di clandestini ci si mobilita. A casa ho il furgone pronto e con dentro i bancali in legno. E poi abbiamo già sistemato le catene con le quali siamo decisi ad incatenarci ai letti dell'albergo. E' l'unico modo per dire no ad una vera invasione".



Il servizio completo in edicola nella Voce di venerdì 4 novembre

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Polesine i nostri primi 70 anni

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl