you reporter

I parenti pagano il loculo, ma i soldi se li intasca il dipendente

A processo

71219

09/02/2017 - 16:09

Voleva fare il furbo sulla tomba del caro estinto. È stato beccato e ora si trova a processo per peculato e falso un 63enne ex dipendente del comune di Castelmassa, applicato, appunto, ai servizi cimiteriali.



Stamattina davanti al collegio del tribunale di Rovigo presieduto da Silvia Varotto, con giudici a latere Valentina Verduci e Barbara Vicario, si è tenuta la prima udienza di un caso singolare, che risale al novembre del 2014.



L'imputato, difeso d'ufficio dall'avvocato Fulvia Fois, si sarebbe appropriato di 4mila euro, soldi che i parenti di un defunto avevano pagato per potere seppellire in un loculo il proprio caro.



Il comportamento del dipendente comunale in qualità di pubblico ufficiale sarebbe andato al di là, perché avrebbe anche falsificato i documenti facendo comparire che la somma era stata correttamente versata.



Il Comune di Castelmassa si è costituito parte civile contro il proprio ex dipendente, con l'avvocato Stefania Tescaroli, parte offesa anche il privato, seguito dall'avvocato Michela Simonato.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl