you reporter

AAA cercasi biologhe non obiettrici per la fecondazione assistita

Trecenta

72425
Dopo il vuoto di biologi non obiettori di coscienza che l'ospedale di Trecenta dovette affrontare nel 2014, una nuova crisi che penalizza le coppie che non possono avere bambini a Rovigo, non ci sono biologi che siano disposti a fare fecondazione assistita.



Tanto che per sopperire alla carenza, l'Ulss 5 ha pubblicato un bando per assumere due biologhe non obiettrici, visto che due colleghe si sono rifiutate di farla. Il servizio da garantire è una priorità, tanto che nel contratto si è precisato che "l'obiezione costituiva una giusta causa di recesso dell'azienda, in quanto la prestazione lavorativa diverrebbe oggettivamente inesigibile".



Il centro di procreazione assistita di Trecenta segue centinaia di coppie. "Il nostro obiettivo - ha detto Antonio Compostella - è quello di assicurare la continuità dell'attività, anche perchè l'erogazione della procreazione medicalmente assistita rientra tra i Lea. E la figura del biologo è fondamentale".




Il servizio completo domani 25 febbraio sulla Voce di Rovigo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl