you reporter

Sul caccia ritrovato c’era il sergente Funnell

Polesella

A seguito dello scavo di recupero avvenuto lo scorso sabato 7 ottobre di un caccia della Seconda Guerra Mondiale, l’Associazione Aerei Perduti Polesine è in grado di dare un nome ed una storia al pilota del Curtiss P-40 N “Kittyhawk IV” precipitato in località Raccano di Polesella. Lo scavo, condotto dall’archeologo Davide Mengoli, dallo storico Enzo Lanconelli, dal coordinatore Alessandro Romanini, e realizzato attraverso la ditta Lazzarin Nicola di Rosolina e la Estense Automazioni di Copparo, ha portato alla luce molte componenti strutturali e meccaniche del caccia. Tra i volontari accorsi si è notata la forte presenza di storici locali, veneti e romagnoli senza il cui contributo non sarebbe stato possibile portare a termine il recupero.


Durante le fasi di scavo dell’aereo, sempre più chiara è apparsa agli storici e ai ricercatori dell’Associazione la dinamica del crash: già dall’inclinazione e dalla distribuzione dei frammenti del velivolo presenti nel sottosuolo è stato possibile ricostruire la direzione e la dinamica di un impatto che fu estremamente violento. Pezzi avio sono stati rinvenuti fino ad una profondità di circa 6 metri. L’aereo ha colpito il terreno prima con un’ala poi con il motore. Entrambi sono sprofondati nel terreno, frantumandosi in più parti.


La quantità di materiale riportata alla luce è notevole e in buono stato di conservazione anche se alcune parti dell’aereo furono certamente asportate all’epoca dell’incidente. Dall’analisi del crash, dal materiale riportato alla luce e dal confronto con i dati in possesso degli storici dell’Associazione, è finalmente possibile dare un nome e una storia al pilota del cacciabombardiere. Era il 2 dicembre 1944. La missione di quel giorno del 250 Sqn. RAF (Royal Air Force) prevedeva l’attacco del ponte ferroviario in località “Bresparola" tra Arquà Polesine e Polesella.



Il servizio sulla "Voce" di giovedì 12 ottobre.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl