you reporter

Raffica di furti vicino alla stazione

Badia Polesine

98849
Sente dei rumori sul tetto, si affaccia alla finestra e dal vetro del lucernario, andato in frantumi, qualcuno la acceca con una torcia a led. Sono stati attimi di paura quelli vissuti nella notte tra martedì e mercoledì da una signora di 73 anni, titolare del ristorante Orient Express, che si è trovata faccia a faccia con uno dei ladri intenzionati a svaligiare il suo locale.



Il ristorante, che Anna Pasello gestisce da ben 37 anni, affiancata dal marito e dal figlio, è vicino alla stazione, una zona in cui i predoni possono andare a caccia di bersagli “succulenti” come poteva esserlo il reparto tabacchi del locale preso di mira.



Verso le 2 di notte, i ladri sono entrati in azione tagliando i fili dell’impianto di videosorveglianza istallato qualche anno fa, per poi rompere il vetro del lucernario e da lì calarsi per fare razzia. Credevano di aver pensato a tutto, invece non avevano fatto i conti con il sonno leggero della titolare, la cui stanza da letto si affaccia proprio sul vano del lucernario.



“Ho sentito dei rumori strani - racconta Anna Pasello - e lì per lì ho pensato che fosse colpa dei gatti”. Ma ascoltando con più attenzione la signora si è resa conto che i passi sui coppi non potevano essere di certo quelli dei felini. Così si è avvicinata alla finestra, i cui balconi sono sempre aperti, anche di notte. “Quando mi sono affacciata - racconta - ho visto un ragazzo, che subito dopo mi ha puntato sugli occhi una torcia a led”.



Abbagliata e spaventata per quell’incontro inaspettato, la 73enne ha battuto il pugno contro il vetro, nel tentativo di allontanare il malvivente. E l’intuizione ha funzionato: il ragazzo, infatti, che non aveva ancora fatto in tempo a calarsi dal lucernario, è scappato insieme ai complici. “Sul tetto c’era anche altre persone - spiega la donna - ho sentito che si scambiavano in fretta alcune parole, ma non so dire se fossero italiani o stranieri”.



Scongiurato il furto, la donna ha svegliato il marito, il figlio e la nuora, che abitano insieme a lei sopra al ristorante. E la famiglia, scossa dalla visita notturna, ha deciso di avvertire i carabinieri soltanto alcune ore più tardi, scoprendo di non essere stata l’unico bersaglio dei predoni. Quella stessa notte i ladri avevano colpito anche altre abitazioni nella zona della stazione, dileguandosi senza lasciare tracce.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl