you reporter

OCCHIOBELLO

“Decine di capannoni vuoti”

Il sindaco Sondra Coizzi spera nella Zes. A Renningen, terra della Bosch, ha promosso il provvedimento e le sue opportunità ai tedeschi

“Decine di capannoni vuoti”

Sondra Coizzi e uno dei capannoni vuoti di Occhiobello

Per il quarto appuntamento con i comuni della Zona Logistica Semplificata (Zls o Zes), abbiamo incontrato il sindaco di Occhiobello Sondra Coizzi che ci ha raccontato quali sono a suo avviso sono i punti di forza di questo progetto e quelli che sono i punti più critici. Per capire meglio quali saranno i vantaggi della Zes, che dal 23 dicembre, con l’approvazione della Camera alla legge di bilancio, è diventata legge dello Stato, basta pensare che questo piano, fortemente caldeggiato e voluto oltre che dai 16 sindaci anche da Confindustria Venezia Rovigo, prevede la realizzazione, tra diretti e indotto, di migliaia di posti di lavoro e l’insediamento di aziende che potranno godere di benefici fiscali, facilitazioni burocratiche, contributi, a partire dai 30 miliardi di euro all’anno per tre anni. “Non posso che esprimere grande soddisfazione per il risultato raggiunto – spiega il sindaco Coizzi – a dimostrazione del fatto che quando le istituzioni sono solidali e condividono un progetto, i risultati arrivano. Personalmente, mi sono trovata in perfetta sintonia con gli altri sindaci e con i rappresentanti di Confindustria e ho abbracciato da subito questo progetto iniziato dal mio predecessore Daniele Chiarioni, perche la Zls può essere un’ottima opportunità per tutto il territorio”.

Coizzi è reduce dal recente viaggio a Renningen, una ridente cittadina tedesca di circa 18mila abitanti, con la quale Occhiobello è gemellata da diversi anni. Il sindaco in Germania ha programmato le attività del 2020 e non ha perso l’occasione per parlare al sindaco di Renningen delle opportunità economiche che, anche grazie alla Zls potranno incontrare gli imprenditori che vorranno investire ad Occhiobello. “Il sindaco si è dimostrato molto interessato e mi ha promesso che farà il possibile per pubblicizzare la cosa anche nel suo territorio – continua il primo cittadino – Appena possibile invierò al collega tedesco tutte le informazioni del caso”. A Renningen, tra le altre cose, ha sede la Bosch una delle aziende leader al mondo nella produzione di elettrodomestici e attrezzatura per il fai da te e non sarebbe male, sognando in grande, pensare ad una filiale polesana. “Nel nostro comune esistono sicuramente alcune migliaia di metri quadrati di capannoni inutilizzati a causa di chiusura, fallimento o trasferimento, che potrebbero essere utilizzati da subito – spiega il sindaco Coizzi – Siamo anche disponibili ad ampliare o costruire nuove strutture con progetti che siano innanzitutto rispettosi dell’ambiente con innovazioni ‘green’ per il nostro territorio.

Il servizio completo oggi 30 dicembre sulla Voce di Rovigo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl