you reporter

POLESELLA

Ora il Medio Polesine è più sicuro: ecco il sistema di monitoraggio

Presentato a Polesella il sistema ecointegrato per la videosorveglianza: investimento da 1.300.000 euro per 30 telecamere di lettura targhe e 64 di contesto.

Questa mattina, nella saletta degli Agostiniani a Polesella è stata illustrato il sistema messo appunto dal Comando di Polizia Locale in merito all'ecosistema di monitoraggio del territorio. Presenti alla conferenza il Prefetto di Rovigo, Maddalena De Luca, il Questore di Rovigo, don Salvatore Fabio Cilona, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Antonio Rizzi e il maggiore Nicola Di Gesare, l'assessore regionale Cristiano Corrazzari, il sindaco di Polesella Leonardo Raito, il Comandante della Polizia Locale Medio Polesine Silvio Trevisan, il responsabile vendite Fastweb, JosephStefanoManganiello. il responsabile Mon Italia. Loris Angeloni, il referente per la piattaforma e-Plate CT-Innovation Andrea Pareti, il responsabile dei sistemi di rilevamento mobile e verbalizzazione della piattaforma Connet IncloudTeam Valerio Violini e i mietenti di STT Daniele Mazzi e Federico Broetto.

Il servizio di Polizia Locale associata Medio Polesine comprende 12 comuni: Polesella, Canaro, FrassinelleBosaro, e Pontecchio Polesine, Crespino, Pincara, Villamarzana, Villanova Marchesana, Arquà Polesine, Guarda Veneta, Costa di Rovigo.

E' stato istituito nell'anno 2009 con i primi comuni (Polesella, Canaro, Pontecchio Polesine, Bosaro, Frassinelle a cui si sono aggiunti nel 2012 Crespino, nel 2015 Villamarzana, Villanova Marchesana e Pincara, nel 2016 Arquà Polesine e nel 2017 Guarda Veneta e Costa di Rovigo).

Il territorio attualmente interessato al servizio ha una superficie di circa 223 km/q, con una popolazione totale pari a circa 23.500 abitanti.

Il Comando conta attualmente su dieci operatori di Polizia Locale (il comandante, la vice comandante, tre istruttori e cinque agenti scelti), una data entry e un istruttore amministrativo.

La sicurezza e la percezione di sicurezza dei cittadini sono stati fin da subito fra gli obbiettivi principali del Servizio associato di Polizia Locale.

In merito i Comuni associati hanno fatto grossi investimenti per la sicurezza e il controllo del territorio. L'importo preventivato dell'investimento complessivo è di circa 1.300.000 euro, ad oggi ne sono stati già investiti 600mila ricavati dai contributi dei singoli Comuni e da contributi relativi a bandi per circa 100mila euro, in questa ultima tranche si sono investiti 260mila euro con la fornitura di Fastweb aggiudicataria tramite Consip.

Il sistema di videosorveglianza è composto da 30 telecamere di lettura targhe e 64 telecamere di contesto alle quali vanno ad aggiungersi alcune telecamere installate dai singoli comuni e che sono state comunque inserite nel sistema centralizzato di controllo della Sede Operativa.

Il sistema di videosorveglianza è stato concepito con lo scopo di monitorare il movimento dei veicoli all'interno del territorio di competenza a mezzo dei sensori di lettura delle targhe.

Il sistema di lettura targhe è gestito da un software (E-plate) ed è la soluzione per la lettura ed il tracciamento automatico di targhe all'interno di un anello di sensori presenti sul territorio. Attraverso l'analisi del traffico identifica in tempo reale i veicoli non assicurati, non revisionati, denunciati o rubati, anche in mobilità.

Geo-referenzia le targhe segnalate, è in grado di comunicare con i database ministeriali, con la Motorizzazione Civile, con le black list e le white list locali, e rende disponibili prove fotografiche. Effettua l'analisi intelligente del traffico, generando report statistici rispetto alle dimensioni temporale e geografica.

Grazie alla collaborazione con CT Innovation e STT si è riusciti ad introdurre anche un sistema di rilevamento mobile. Sono operativi tre sistemi mobili posizionati sui veicoli di servizio.

Da circa un anno tutti gli agenti sono dotati di una body-cam fornita da Axon che permette di effettuare i servizi operativi sul territorio con maggior tranquillità e garanzie di sicurezza per gli agenti operanti. Le body-cam hanno un'autonomia di 12 ore di funzionamento e hanno un sistema di scarico dei dati con le più complete garanzie di tutela della privacy.

Per un maggior controllo del territorio e poter effettuare controlli anche in orari serali si è in via di definizione dell'armamento degli agenti. La dotazione sarà collegata con il sistema di body-cam per garantire la sicurezza degli agenti e dei cittadini. Si sta valutando anche l'utilizzo delle dash-cam a bordo delle auto.

Il parco macchine dal primo di gennaio sarà portato a cinque mezzi, tutti nuovi, muniti della strumentazione necessaria per operare in sicurezza e tempestività.

Nel breve periodo sarà sostituito l'attuale ufficio mobile con uno più funzionale in modo da poter creare una vera e propria unità mobile per le attività specifiche di controllo (quali ad esempio il controllo dei mezzi pesanti, l'opacimento, l'etilometro...), con l'obiettivo di collegarlo al sistema di videosorveglianza e alla centrale operativa.

Il sindaco del comune capofila, Leonardo Raito, a nome della Convenzione, esprime soddisfazione per il livello di investimenti portati avanti dalla Polizia Locale che stanno a testimoniare una larga attenzione ai temi della sicurezza e del presidio del territorio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl