you reporter

Canaro

La biblioteca nel nome di don Edgardo Stellin

Inaugurata anche la mostra permanente dedicata a don Edgardo Stellin, con libri e oggetti donati dalla sua famiglia al comune

La biblioteca nel nome di don Edgardo Stellin

Un mostra permanente sul cappellano don Edgardo Stellin inaugurata domenica mattina in una gremita biblioteca comunale, ora intitolata al religioso. La cerimonia è stata inaugurata dalla messa a cui hanno partecipato le autorità civili e giudiziarie, insieme ai famigliari di monsignor Stellin e ai fedeli. Scomparso nel 2013, Stellin operò a Canaro dal 1970 al 1974.

A seguire, verso le 11.15, il corteo si è spostato alla biblioteca comunale di via Morandi, dove il sindaco Nicola Garbellini, insieme al colonnello Dario Guarino della Guardia di Finanza e a Paolo Stellin, fratello di Edgardo, ha tagliato ufficiosamente il nastro aprendo la mostra permanente dedicata al cappellano. Il primo cittadino ha poi aperto la serie di interventi avvenuti per spiegare come la proposta di realizzare una mostra permanente dedicata al cappellano sia partita da Arrigo Garbellini e da Lodovico Tucci, grazie alla donazione di libri e oggetti che la famiglia Stellin ha fatto al Comune.

Da tale proposta è iniziata la raccolta di ricordi ed episodi legati alla permanenza di Edgardo Stellin nella comunità, una permanenza breve ma intensa, che il primo cittadino ha definito “una primavera di Canaro, un periodo felice. L’idea di intitolare a Stellin proprio una biblioteca – ha proseguito il sindaco- nasce dal fatto che don Edgardo è stato un parroco che ha pensato essenzialmente ai giovani”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl