Cerca

SAN MARTINO DI VENEZZE

Una scuola a prova di incendio e sisma

Esercitazioni con gli alunni negli istituti di infanzia, primaria e secondaria di primo grado

Una scuola a prova di incendio e sisma

Esercitazioni con gli alunni negli istituti di infanzia, primaria e secondaria di primo grado

La campanella suona ad intermittenza e, allora, tutti sotto il banco. Poi, quando il suono si fa più lungo, allora ci si mette in fila e si esce. Si sono svolte martedì mattina nelle scuole del territorio le prove anti incendio e terremoto che hanno coinvolto tutti gli alunni, gli insegnanti e il gruppo di Protezione civile di San Martino di Venezze.

Un appuntamento fisso che serve a far capire anche ai più piccolini quali sono le regole e i comportamenti da tenere a scuola in caso di incendio o di terremoto. Le prove sono state fatte alla scuola dell’infanzia “Maria Montessori”, alla primaria sempre “Maria Montessori” e alla secondaria di primo grado “Dante Alighieri”.

I volontari della Protezione civile di San Martino hanno partecipato diretti da Paola Merlo, coordinatrice del gruppo e responsabile del servizio prevenzione e protezione dell’Istituto Comprensivo. “Questa mia doppia veste, di coordinatrice e di responsabile della sicurezza a scuola, mi consente di avere un dialogo costante con gli insegnanti e questo è molto importante - ha spiegato Paola Merlo - Le prove sono andate bene, sono stati davvero bravissimi i bambini dell’infanzia e della primaria. Alla secondaria hanno vissuto l’esperienza con un pizzico di goliardia, ma comunque la risposta è stata positiva".

"Anche negli insegnanti vi è molta consapevolezza, soprattutto per chi ha vissuto il terremoto del 2012”. Queste prove, che vengono fatte quattro volte l’anno in tutte le scuole fanno parte di un progetto sulla sicurezza che la Protezione civile di San Martino sta portando avanti da anni e che però, con l’avvento della pandemia, ha subito una battuta d’arresto.

“Si tratta della prima volta dopo il Covid che ritorniamo a scuola perché nei due anni passati si è ritenuto opportuno che nessun esterno entrasse a scuola per ragioni di sicurezza sanitaria. Quindi abbiamo mandato materiale utile per insegnanti ed alunni che è stato anche calibrato in base all’età - ha continuato Paola Merlo - Spero proprio che possiamo continuare a fare queste attività in presenza nelle scuole perché ritengo importante che gli alunni ci conoscano, sappiano chi siamo e che, nel caso di calamità, c’è sempre un’unità operativa che entra in azione. Poi il rapporto diretto è sempre la cosa migliore”. All’evento ha partecipato anche la prima cittadina Elisa Sette. La protezione civile chiuderà oggi a Ceregnano il ciclo di prove programmate anti incendio e terremoto nelle scuole dell’Istituto comprensivo di Villadose.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy