you reporter

Ha badato all'uomo fino a "spolparlo" <br/> a processo una polacca e il figlio

Occhiobello

47061

Il tribunale di Rovigo

Tredicimila euro: è la cifra che secondo l'accusa una badante polacca e il figlio avrebbero sottratto, a colpi di 500 euro, dal conto dell'anziano di Occhiobello al quale badava e col quale convivevano.



Sono a processo per furto aggravato dal raggiro e per utilizzo della carta bancomat a loro non intestata. Peraltro la badante aveva accusato a sua volta le figlie e i generi dell'uomo, un 70enne malato di tumore, perché dopo la sua morte avrebbero "saccheggiato" la casa in cui lei ora viveva. E furono condannati a 6 mesi di reclusione con l'accusa di violazione di domicilio.



Rimane il fatto che la 52enne dovrà rispondere in concorso col figlio per i prelievi fatti mentre l'uomo era accudito da lei, con un bancomat usato senza, secondo l'accusa, rendere edotto l'uomo dei movimenti eseguiti.



Il servizio completo in edicola nella Voce di sabato 9 aprile

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl