you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Anche Occhiobello chiude parchi, giardini e piazze

Il sindaco: "Di fronte al mancato rispetto dei divieti e alla presenza di persone nei nostri parchi dobbiamo intervenire con ordinanza”.

Coizzi in lizza per la carica di sindaco

Sondra Coizzi

Dopo Rovigo (LEGGI QUI) anche a Occhiobello stop agli assembramenti nelle aree verdi per evitare occasioni di possibile contagio. Il sindaco Coizzi ha firmato un’ordinanza (60/2020) che impone la chiusura, fino al 3 aprile, di spazi comunali all’aperto come parchi, giardini e aree verdi. Saranno chiusi sia gli spazi dotati di servizio di apertura e chiusura, recinzioni e cancelli di accesso, ma anche quelli privi di apertura e chiusura che verranno, quindi, delimitati per impedire l’accesso.

Il provvedimento è stato adottato in via precauzionale affinché i cittadini non si assembrino contravvenendo alle disposizioni governative.

“Di fronte al mancato rispetto dei divieti e alla presenza di persone nei nostri parchi – spiega il sindaco – dobbiamo intervenire con ordinanza”.

“Rispettiamo la possibilità di fare attività motoria all’aperto, che pure va svolta mantenendo la distanza interpersonale di un metro – aggiunge il sindaco -, tuttavia dobbiamo scoraggiare le possibilità di ritrovo e, quindi, il rischio di diffusione del contagio”.

“E’ uno sforzo per tutti che, se compiuto – conclude il sindaco - porterà a un risultato, tengo a ricordare lo stato di necessità e le esigenze specifiche per cui si può uscire”.

Il divieto di assembramento, come raccomandato nell’ordinanza, riguarda anche strade e piazze.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl