you reporter

Rugby Top 12

“Rovigo costruito per vincere”

Il coach Casellato ospite in radio alla “Vostra Voce”: “Con San Donà non sarà facile”.

“Rovigo costruito per vincere”

Umberto Casellato

“La Rugby Rovigo Delta è una compagine costruita per vincere”. Così il coach dei Bersaglieri Umberto Casellato, ospite, questa mattina, nella trasmissione “La Vostra Voce”, in diretta su Delta Radio dalla nostra redazione in piazza Garibaldi. Il tecnico rossoblù è stato intervistato dal direttore Pier Francesco Bellini e da Paolo De Grandis, voce storica di Delta Radio.

Casellato ha spiegato che, nel campionato italiano, sono diverse le società che sono state costruite per vincere il Top 12. “Il Calvisano assomiglia molto alla Juventus - ha detto Umberto Casellato - ma anche il Reggio Emilia e il Petrarca hanno costruito gruppi importanti. La Rugby Rovigo Delta può arrivare in fondo al torneo ed è una compagine costruita per vincere”.

Il club del patron Zambelli infatti, nella sessione del mercato estivo, ha cambiato diversi giocatori e costruito un collettivo solido per eccellere nel campionato: “Abbiamo una rosa di 36 uomini, e quest’anno abbiamo a disposizione un grande turn over. Infatti scegliere la formazione, il sabato, non è affatto semplice. Quest’anno, inoltre, sono stati presi dodici ragazzi nuovi e abbiamo cambiato due registi, tra cui Menniti che possiede qualità balistiche davvero importanti, le sue abilità nel compiere le trasformazioni lo dimostrano”.

La stagione inoltre è cominciata tardi, per lo svolgimento dei Mondiali. “Quest’anno abbiamo iniziato l’annata più avanti rispetto al classico calendario e abbiamo disputato tre partite in Coppa dimostrando il nostro valore. Il pubblico dei tifosi, prima di guardare il campionato, ha seguito il Mondiale e l’Italia ha disputato delle buone partite. La vera sorpresa invece è stata il Giappone, che ha giocato veramente bene tutte le partite, ma poi è stata sconfitta dal Sudafrica”.

Tornando al match contro Calvisano, che la Rugby Rovigo Delta ha vinto, il coach ha sottolineato che è stato cambiato anche il modello tattico. “Nella partita contro il Calvisano abbiamo giocato molto bene. Siamo stati molto aggressivi e molto grintosi: infatti, abbiamo conseguito una bella vittoria, molto importante per il morale dei ragazzi”.

Nella prossima gara, il primo dicembre, il quindici rossoblù sfiderà il San Donà al Battaglini, settimo in classifica a quota 10, lontano sette lunghezze dal Rovigo.

L’allenatore spiega: “Il prossimo impegno non sarà affatto semplice, perché il San Donà rimane una rivale, che può vincere contro tutti. Successivamente avremo una pausa e potremo restare un periodo a riposo”. E conclude: “Questo club comunque è come una grande famiglia, perché il presidente è molto appassionato di questo sport e lo dimostra sempre, perché aiuta tutti nei momenti difficili e dimostra davvero un grande affretto per il suo entourage”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl