you reporter

Calcio Serie D

Adriese, i tifosi: “Questa maglia ha 114 anni di storia”

La Gradinata Est su Facebook: “Si invitano certi giocatori ad avere consapevolezza degli obiettivi societari”.

Adriese, i tifosi: “Questa maglia ha 114 anni di storia”

Uno stop che non ci voleva. Con queste parole si può riassumere la sconfitta subìta dalla formazione dell'Adriese nella diciassettesima giornata d'andata del girone C di Serie D. Una trasferta amara quella in terra friulana, sul campo della compagine del Chions, che ha visto i granata tornare a casa a mani vuote, puniti dal calcio di rigore realizzato da Del Compare nella seconda frazione di gioco. Uno stop che non ci voleva appunto, sia per dare continuità alla vittoria convincente dalla settimana prima contro il Cartigliano, sia per approfittare del mezzo passo falso della capolista Campodarsego fermato sul pari esterno dal Caldiero Terme.

Con questa sconfitta i ragazzi guidati in panchina dal tecnico Luca Tiozzo scivolano al quinto posto in classifica, scavalcati dal Mestre e del Legnago Salus, e vedono la prima posizione in mano al Campodarsego allungarsi a dieci lunghezze a due partite dal termine del girone d'andata. Dopo le parole amareggiate della società, dal presidente Luciano Scantamburlo a quelle del direttore tecnico Alberto Cavagnis, è arrivato anche un chiaro messaggio dai tifosi della Gradinata Est. In un post apparso su Facebook si legge: “Si invitano certi giocatori ad avere consapevolezza degli obiettivi societari e dell'impegno richiesto, perché il mercato é aperto e, se non sposano il progetto, sono liberi di accasarsi altrove. La prestazione di Chions lascia un unico verdetto: L'incitamento ed il sostegno della Gradinata Est, tifoseria che, con passione e voce, mette per 95’ più grinta ed impegno di alcuni giocatori visto il rendimento in campo. Il tempo degli allori sta per esaurirsi, perché le domeniche sono sempre meno. Quando si indossa questa maglia, si indossano 114 anni di storia”.

Insomma anche la tifoseria ha una presa di posizione chiara: chi non vuole dare il massimo può fare le valigie. Nel frattempo la rosa granata è tornata al lavoro sul campo per preparare al meglio la sfida casalinga di domenica contro la compagine scaligera del Villafranca Veronese, squadra reduce dalla sconfitta interna di misura subita per mano del Belluno. Un altro match delicato e da non sbagliare perché ormai, vista l'attuale posizione di classifica e l'obiettivo prefissato, non è più il momento di farlo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl