you reporter

CALCIO ADRIESE

“Se si ripartirà, saremo pronti”

Il capitano granata Pagan: “Occorrerà una nuova preparazione, intanto ci alleniamo a casa”

“Se si ripartirà, saremo pronti”

Siamo ormai verso la fine del mese di aprile e ancora non si sa quale sarà il destino di questa stagione sportiva.

Dopo quasi due mesi senza calcio giocato aleggiano ancora molte incognite sul se e quando si potrà tornare sul terreno di gioco. Tra le formazioni polesane in “stallo” c'è anche l'Adriese che è ferma ai box dal 16 febbraio, quando vinse al “Bettinazzi” con un sonoro 4-1 inflitto alla compagine friulana del San Luigi. A parlare della situazione attuale, in casa granata, è il capitano dell’Adriese Michael Pagan che sottolinea la priorità alla salute della collettività: “Da quello che sento c’è ancora poco di chiaro sulla ripresa. Servirebbero misure molto alte di sicurezza e non so se la Serie D e gli altri campionati dilettantistici saranno in grado di fornirle. Se si ripartirà comunque ci faremo trovare pronti, sennò si aspetterà luglio o quel che sarà. Occorrerà comunque una nuova preparazione atletica prima di riprendere, anche per considerare di giocare ogni tre giorni per recuperare le partite saltate nel minor tempo possibile. Nel frattempo io e gli altri miei compagni ci alleniamo a casa e ci sentiamo tutti i giorni. Stiamo tutti bene, io mi alleno in casa e faccio un po’ di mobilità nei pressi della mia abitazione”.

Tra le ipotesi quella che sembra più probabile, visto l’allungarsi dei tempi, c'è quella di sospendere tutto e ripartire da zero nella prossima stagione. Riguardo questa possibilità, il capitano Michael Pagan afferma: “Ci sono tante situazioni da considerare, mancano ancora tante partite. Per la salute di tutti sarebbe giusto interrompere e riprendere quando le condizioni lo permetteranno, comunque concludendo ciò che è sospeso. I nostri dirigenti di Lega sapranno cosa fare e noi accetteremo qualsiasi soluzione”.

Anche per i dilettanti è stato istituito un fondo per accedere ad un contributo una tantum, all’Adriese intanto le retribuzioni di marzo sono state regolarmente erogate: “A nome di tutta la squadra grazie per aver rispettato l’onere dei compensi, fa molto onore al presidente questo gesto. In queste categorie spesso si danno per scontate tante cose, la famiglia Scantamburlo è encomiabile e non ci ha fatto mancare niente. Non vanno altro che ringraziati, stanno facendo tantissimo per noi ma anche per Adria, penso al regalo di 30mila mascherine alla città. Soprattutto in situazioni di emergenza si fanno gesti di gran cuore e il presidente e tutti i dirigenti si fanno veramente distinguere e onorare”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl