you reporter

PETTORAZZA GRIMANI

“Cerchiamo una dialettica costruttiva”

La consigliera di opposizione Sandra Davin: “Coimpo, nessuna risposta all’interrogazione”

“Cerchiamo una dialettica costruttiva”

Approvato il bilancio di previsione 2020 e definite, senza aumenti, l’addizionale Irpef e la Tari. La consigliera Sandra Davin alza la voce: “Cerchiamo un terreno di condivisione per discutere di diverse questioni insieme alla maggioranza”.

Durante il consiglio comunale di Pettorazza Grimani, tre dei punti all’ordine del giorno trattavano la conferma delle aliquote 2020 dell’addizionale comunale all’Irpef, la conferma delle tariffe della tassa sui rifiuti e l’approvazione del bilancio di previsione 2020-2022.

Tutti presenti alla seduta del consiglio comunale, che si è tenuta a porte chiuse, in osservanza alle disposizioni di contenimento della diffusione del coronavirus. Per iniziare, è stata riconfermata senza aumenti la Tari, così come l’addizionale comunale Irpef, rispetto alla quale la referente del gruppo di minoranza “Pettorazza Viva e Attiva”, Sandra Davin, ha richiesto per il futuro una esenzione a favore di chi presenta un reddito al di sotto dei 7 o 8mila euro, “così da alleviare il carico fiscale”.

Passando invece al terzo punto, riguardante il bilancio, il sindaco Bernardinello ha chiarito: la previsione era stata pensata e redatta in tempi in cui la pandemia non era stata prevista, ma affermando che l’amministrazione è al fianco dei cittadini mettendo a disposizione risorse, qualora gli strumenti statali fossero insufficienti. Così Davin si è fatta spazio di nuovo, esprimendo la necessità di cercare un terreno di condivisione su aspetti e riflessioni con la maggioranza: “Cerchiamo una dialettica costruttiva portando sul tavolo tutti i temi. Questo per mettere al primo posto il bene comune, proprio in conseguenza di questa pandemia che ci obbliga ad aggiustare il tiro su molte cose. Non deve essere usata come alibi per fare in modo che tante questioni trascurate continuino ad esserlo”.

Quindi, rispetto al punto dell’approvazione del bilancio, sul fronte degli investimenti, ci sono in sostanza tre importanti progetti: la ricostruzione del ponte sulla Bresega, per un totale di 420mila euro, di cui 380mila di contributo a fondo perduto da accertare; i lavori di risanamento conservativo all’interno della sede municipale per costi stimati di circa 109mila euro; infine, i lavori di ampliamento, efficientamento energetico ed adeguamento antisismico della scuola elementare Rodari, per i quali è già stato accertato il contributo del Miur di circa 410mila euro.

La consigliera Davin però in sede di consiglio ha inoltre citato il programma ambiente, evidenziando come questo si esaurisca solamente nella raccolta dei rifiuti e nello sfalcio erba, senza far luce invece sulla questione dell’inquinamento derivante dagli spandimenti “Coimpo” e la bonifica dei terreni: “Nessuna risposta all’interrogazione presentata al sindaco lo scorso giugno, solleciti inascoltati e continuano gli spandimenti in diversi terreni. Oltre a ciò che viene versato, è la quantità che preoccupa - spiega - Infatti, quello che sorprende leggendo le relazioni della forestale sul caso ‘Coimpo’ è che la quantità abnorme ha giocato un ruolo fondamentale nell’inquinamento dei terreni”. Oltre a ciò, Davin ha poi sottolineato alcuni paradossi nella gestione dei territori rurali: “È importante ricercare la giusta coesistenza fra chi vive e chi lavora, mettendo in atto sinergie comuni per la tutela e la ricostruzione della biodiversità che in sostanza significa protezione della salute, dell'attività agricola e dell'ambiente”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl