you reporter

Badia Polesine

Il mercato “verso” la normalità

Ordinanza del sindaco. Ingressi liberi che, in caso di necessità, verranno contigentati

Il mercato “verso” la normalità

Ingressi liberi che in caso di necessità verranno contingentati: il Comune disciplina le modalità di svolgimento dei mercati settimanali ai tempi del Coronavirus. Dopo le prove delle scorse settimane, con il mercato di ieri l’amministrazione ha inaugurato il ripristino dell’attività a tutte le tipologie di merce sia nella giornata del mercoledì che del venerdì, programmando misure logistiche, organizzative e di presidio, in relazione agli spazi disponibili, per evitare il sovraffollamento dell’area mercatale nonché assicurare il rispetto del distanziamento sociale, che rimarranno al momento in vigore fino al prossimo 2 giugno.

I mercati del mercoledì e del venerdì saranno come sempre rispettivamente disposti in piazza Marconi-via Foro Boario e nel parcheggio rialzato di piazza Marconi, mentre per i produttori agricoli si prevede lo spostamento su piazza Marconi. Tra le misure messe in campo dall’amministrazione, annunciate ieri con un’apposita ordinanza sindacale, c’è l’individuazione delle zone in cui si prevede un maggiore afflusso di persone, dove predisporre informazioni al fine di evitare gli assembramenti: il punto individuato per il mercato del venerdì è in piazza Marconi all’intersezione con via Don Minzoni e via San Giovanni, mentre al mercoledì si aggiunge anche quello di via Foro Boario all’intersezione con via Migliorini. Saranno inoltre individuati punti dove posizionare transenne da utilizzare in caso di sovraffollamento per contingentare l’accesso. Al mercoledì si troveranno in via Piana, via Cigno, al lato delle scuole elementari di piazza Marconi, all’intersezione con via Don Minzoni e via San Giovanni, e via Foro Boario all’intersezione con via Migliorini; mentre al venerdì sarà prevista solo quella tra piazza Marconi, via Don Minzoni e via San Giovanni.

“Al fine di evitare assembramenti ed assicurare il distanziamento sociale - scrive il sindaco Giovanni Rossi nell’ordinanza - si prevede di non recintare le zone, che rimangono accessibili permettendo un fluido spostamento delle persone, senza prevedibili affollamenti negli accessi. Al fine di dare informazioni sulle misure precauzionali da tenere - prosegue il primo cittadino - è previsto un punto di fronte agli uffici Inps gestito dai volontari della Protezione civile del nucleo Anc ‘Polesine’ dove saranno in distribuzione gli schermi protettivi forniti dalla Regione Veneto”. Il Comune, oltre alle note misure di distanziamento sociale e di protezione personale, chiede inoltre che il numero di clienti davanti al banco sia pari al numero di operatori disponibili, che dovranno vendere solo frontalmente. Si chiede anche che i venditori ambulanti siano collaborativi nel fare rispettare le distanze interpersonali e le misure per il contenimento del virus. Infine, è opportuno che, in caso di vendita di abbigliamento, vengano messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia la merce; o ancora che, in caso di vendita di beni usati, si proceda preventivamente all’igienizzazione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl