you reporter

Castelnovo Bariano

Una comunità distrutta dal dolore

I genitori sconvolti dopo la morte della piccola di undici mesi. Sarà proclamato il lutto cittadino. Disposta l’autopsia, la procura di Verona indaga per omicidio colposo.

Una comunità distrutta dal dolore

La comunità di Castelnovo Bariano sta vivendo il dolore più grande. C’è ancora grande amarezza, mista a incredulità, dopo la notizia del decesso di Ashley Mary Beba Prini, la piccola di soli undici mesi, dopo che era tornata a casa, dimessa dall’ospedale di Legnago. Oggi non si parlava d’altro in paese. “Conosco bene il papà, che è un grande lavoratore e una brava persona, e la famiglia - spiega il sindaco di Castelnovo Bariano, Massimo Biancardi - Ho chiamato personalmente il padre, ho parlato con lui. I genitori sono sconvolti, ho espresso a loro tutta la mia solidarietà. Sono distrutti da un dolore indicibile, non riescono a parlare”.

La tragedia è così grande che sarà proclamato lutto cittadino, quando si terrà il funerale. Manca solo l’ufficialità, che arriverà con una specifica delibera di giunta, ma sarà così.

Tutto era partito da un grido di dolore e aiuto. “Aiuto, la mia bambina è fredda, mia moglie sta facendo la respirazione bocca a bocca”: era stata la chiamata disperata del papà al suem, con la corsa altrettanto disperata dei sanitari. Ma per la bambina di appena 11 mesi non c’è stato nulla da fare. Domenica è morta nella sua casa di Castelnovo Bariano, tra le braccia del papà Riccardo e della mamma. Era la quinta di cinque fratellini, tutti sotto shock per la tragedia.

La bambina era stata portata in pronto soccorso sabato pomeriggio, perché non stava bene. L’avevano dimessa con una cura e la diagnosi di gastroenterite. Nella mattinata di domenica il peggioramento e la morte improvvisa. Drammatico l'intervento del suem che è intervenuto con l'ambulanza alle 12,43 di domenica. Ad allertare i sanitari il padre disperato. Quando i sanitari sono arrivati purtroppo non c’era già nulla da fare. Il suem ha avvisato i carabinieri della compagnia di Castelmassa che hanno seguito la famiglia e raccolto le prime informazioni.

Riccardo Prini lavora in una ditta di servizi cimiteriali, è conosciuto da tutti come una bravissima persona. Della vicenda era stato subito informato il pm di turno di Rovigo, ma, visto che la vicenda riguarda l’attività di sanitari dell’ospedale di Legnago, il fascicolo d’indagine si è incardinato subito alla procura di Verona. Qui il pm ha ordinato di sequestrare le cartelle cliniche. Un atto dovuto, visto che sulla piccola Ashley verrà effettuata un’autopsia e si dovranno valutare le cause della morte anche in rispetto alle cure e alla diagnosi effettuate. Intanto, la procura di Verona ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, ora si sta indagando sulle ragioni del decesso: ovvero se vi sia una responsabilità sanitaria o altre cause, anche congenite. Per questo, potrebbe essere decisiva l’autopsia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • raffaello13

    09 Giugno 2020 - 16:04

    Una grave disgrazia. Purtroppo una volta era frequente perchè nel primo anno di vita il bimbo comincia a mangiare cose diverse dal latte materno, ma non ha ancora maturato la flora intestinale e le difese immunitarie da proteggerlo; se si scatena la gastro enterite vi è pericolo grave, e bisogna stare attenti alle ricadute e NON dargli cibi da "grandi".

    Rispondi

  • raffaello13

    09 Giugno 2020 - 16:04

    Brutta disgrazia. L'articolo sembra lanciare gravi accuse all'Ospedale, ma bisogna sapere che nei decenni passati era frequente accadesse una disgrazia simile perchè al momento dello svezzamento dal latte materno c'è questo pericolo perchè la flora batterica intestinale non si è ancora adattata a ricevere i cibi degli adulti e pure la produzione di anticorpi si deve ancora consolidare dopo quelli ricevuti con l'allattamento; ci vuole cautela e l'uso di "minestrine " dedicate; senza cautele si può scatenare una grave infezione, che può anche recidivare.

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Amazon continua a cercare lavoratori
CASTELGUGLIELMO E SAN BELLINO

Amazon continua a cercare lavoratori

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl