you reporter

Pontecchio Polesine

Le due nuove rotatorie sono operative

Sostituiscono due incroci molto pericolosi nel centro del paese. Intervento da 280mila euro. Si sta terminando anche il chiosco bar: presto il bando per la gestione.

Le due nuove rotatorie sono operative

Simone Ghirotto

Giornate importanti per quanto riguarda i lavori pubblici nel territorio comunale di Pontecchio Polesine. Infatti, sono terminate le due rotatorie che, per volontà dell’amministrazione comunale guidata da Simone Ghirotto, sono state realizzate in due incroci considerati molto pericolosi per le frequenza degli incidenti.

La prima rotatoria è quella relativa all’incrocio tra quattro strade, ovvero le vie Roma, San Pietro Martire, Chiaviche e Marconi. Qui, in precedenza, era stato installato un semaforo per regolare il flusso di traffico, ora tolto appunto per realizzare la rotatoria. Il problema maggiore era dato dalla mancanza di visibilità, il che ha comportato l’abbattimento di una parte di una vecchia casa, ormai disabitata, che si trovava proprio nell’intersezione delle strade.

Il secondo incrocio è quello tra le vie San Pietro Martire e Ghetto. Anche in questo caso è stato abbattuto un vecchio edificio, dato che non c’era visibilità. Pur essendo un incrocio più piccolo dell’altro, c’era una maggiore frequenza di incidenti.

“Le due rotatorie fanno parte di uno stesso progetto da 280mila euro - dice il sindaco Simone Ghirotto - che avevamo presentato alla Regione Veneto, la quale ci ha finanziato con un contributo da 154mila euro. Il resto della cifra è completato da risorse del nostro bilancio”.

Peraltro, va detto che via San Pietro Martire ora è del Comune, dal quale è stata acquisita: in precedenza era provinciale, precisamente si tratta della ex strada provinciale 5. “E’ una strada centrale del paese - continua il primo cittadino - che divide la parte nuova e la parte antica di Pontecchio. Le due rotatorie permetteranno al traffico di rallentare in modo da evitare gli incidenti”.

Inoltre, via San Pietro Martire si trova in prossimità del parco giochi e delle pista ciclabile. Le opere erano iniziate prima che scoppiasse l’emergenza per il Covid, a dicembre, ma con l’arrivo della pandemia e del lockdown sono state sospese, intorno ai primi di marzo. A fine aprile i cantieri sono ripartiti e, adesso, le rotatorie sono terminate ed operative. Manca soltanto la segnaletica a terra.

Oltre a questi interventi, l’amministrazione ha provveduto alla costruzione di un chiosco bar, sempre in via San Pietro Martire, che possa essere di servizio per la pista ciclabile e il parco giochi vicini. Si tratta di una struttura mista legno, cemento e vetro, di proprietà comunale, in una zona di verde pubblico.

L’immobile sarà terminato proprio in questi giorni. E presto sarà pubblicato un bando per affidare la gestione del chiosco bar.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl