you reporter

Porto Tolle

Spiaggia a prova di... controllo

La polizia locale ha verificato il rispetto della normativa sulle distanze anticoronavirus. Il Comune rinuncerà alla tassa di soggiorno per aiutare il settore turistico.

Spiaggia a prova di... controllo

Polizia locale nelle spiagge di Porto Tolle per effettuare i necessari controlli e garantire il rispetto delle prescrizioni dettate dall’emergenza coronavirus.

Ieri mattina, gli agenti della polizia locale di Porto Tolle hanno effettuato le verifiche di routine negli stabilimenti di una delle spiagge più belle del litorale polesano, ovvero Barricata.

Come previsto dalle norme in vigore da quando è terminato il lockdown, lettini e ombrelloni devono rispettare le distanze di sicurezza e non ci devono essere assembramenti. Tutto è andato per il meglio.

Si è trattato di un controllo normale a dimostrazione dell’attenzione che viene prestata, da parte di amministrazione e polizia locale, per il rispetto delle prescrizioni necessarie per poter vivere un’estate in piena serenità, dopo il periodo di grande difficoltà legato al lockdown.

Le stesse verifiche vengono fatte anche alla spiaggia delle Conchiglie e a quella di Boccasette, ovvero in tutte le spiagge di Porto Tolle. Un modo anche per rasserenare turisti e visitatori del Delta, dove tutto si svolge in sicurezza, permettendo così di godersi al meglio le spiagge e la natura del bellissimo Delta.

Peraltro, un altro segnale importante di vicinanza del comune di Porto Tolle al settore turistico è la scelta, che verrà approvata, e quindi ratificata, mercoledì in consiglio comunale, di rinunciare alla tassa di soggiorno. “Abbiamo proposto, insieme alla minoranza, per favorire il turismo e gli albergatori, di azzerare la tassa di soggiorno e non farla pagare nei mesi di luglio e agosto - spiega il sindaco di Porto Tolle Roberto Pizzoli - ovvero i mesi principali, di maggiore intensità e introito per la stagione. E’ un segnale, per essere vicino agli operatori e ai turisti, che così pagheranno meno”.

La tassa sarebbe prevista per il periodo dal primo maggio al 30 settembre e il suo calcolo è collegato ai giorni di pernottamento e al tipo di struttura in cui si pernotta: va da 80 centesimi ad un euro e mezzo al giorno.

Per quanto riguarda il periodo precedente, ovvero maggio e giugno, ovviamente la proposta non si era potuta portare in tempo in consiglio comunale, poi si era ancora in parte in una situazione di lockdown e l’attività turistica sta iniziando solo in questi giorni.

“Rinunceremo ad un’entrata che per il Comune è sempre importante - aggiunge Roberto Pizzoli - basti pensare che, con le risorse che avevamo ottenuto con la tassa di soggiorno negli anni passati, abbiamo costruito il ponte di Barricata”.

Si tratta, in effetti, di una cifra che va dai 170mila ai 180mila euro circa all’anno, a stagione, da maggio a settembre.

La proposta è stata condivisa con l’opposizione, quindi non ci saranno problemi per il voto e la sua approvazione. Chiaro che questo comporterà cambiamenti in sede di approvazione del bilancio.

Infatti, mercoledì prossimo alle 18, in sede di consiglio comunale in presenza (nel municipio di Porto Tolle è possibile far rispettare le distanze previste e la presenza è opportuna vista l’importanza degli argomenti all’ordine del giorno), si discuterà anche di bilancio previsionale. “Abbiamo dovuto rivedere entrate e uscite a causa dell’emergenza Covid - spiega il sindaco - dovevamo presentarlo a marzo, ma quello che è successo ha fatto slittare tutto”.

Infine, dopo l’approvazione del bilancio, il consiglio comunale tratterà e sarà chiamato ad approvare anche la variante urbanistica numero sette, che è propedeutica al piano urbanistico territoriale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl