you reporter

Porto Viro

Consuntivo, il consiglio approva

Passa il bilancio, l’analisi di Doriano Mancin: “Siamo creditori verso lo Stato di rilevanti risorse”. Il vicesindaco: “Il risultato della gestione presenta un saldo positivo di 1.193.803,73 euro”.

Consuntivo, il consiglio approva

Doriano Mancin

Bilancio consuntivo 2019, il consiglio comunale di Porto Viro approva. La precisa relazione è stata fatta dal vicesindaco Doriano Mancin. “Il bilancio è strumento che serve a rendere conto, non solo ai consiglieri, ma a tutti i cittadini, dell’utilizzo delle risorse a disposizione del nostro ente - dice Mancin - Per quanto riguarda l'aspetto finanziario, ricordo che la legge dispone che la dimostrazione dei risultati di gestione avvenga mediante il rendiconto, documento che comprende il conto del bilancio, il conto economico e lo stato patrimoniale. Passando ad una breve analisi contabile riporto alcuni dati di sintesi”.

Mancin spiega che, al 31 dicembre 2019, il fondo cassa era di 2.451.741,17. “Il nostro ente risulta ancora creditore verso lo Stato di rilevanti risorse tra le quali il fondo di solidarietà comunale di euro 1.873.484 13 - precisa - Il risultato della gestione di competenza 2019 presenta un saldo positivo di euro 1.193.803,73 derivante dalla differenza tra gli accertamenti di competenza pari a 14.326.641,21 euro di entrate e gli impegni di competenza di 13.122.838,48 euro di spese”.

Poi, evidenzia che, per quanto riguarda la gestione dei residui, cioè somme accertate o impegnate negli esercizi precedenti, il totale dei residui attivi accertati in entrata è pari a euro 7.095.045,63 quello dei residui passivi impegnati in parte spesso è pari a euro 2.760.913,91. Che in sede di riaccertamento ordinario dei residui, con il coordinamento del servizio finanziario e dell'organo di revisore i responsabili della gestione hanno concorso alla rideterminazione delle somme iscritte a bilancio stralciato residui attivi corrispondenti a crediti non più esigibili una cifra molto rilevante in milioni di euro.

“Questo ha comportato una diminuzione del fondo crediti di dubbia e difficile esazione di 1.855.023 ,95 euro – aggiunge - Rilevantissimi i crediti stralciati relativi alle sanzioni del codice della strada (2012-2015) per 3.911.133,26 euro oltre cifre molto più basse ma rilevanti per Ici, Imu, Tares e Cosap”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl