you reporter

ARQUA’ POLESINE

Bellinato-Siviero, ora è scontro

La replica all’esponente della minoranza: “Incredibile la novella sulla rinegoziazione dei mutui”. Il consigliere di maggioranza attacca l’opposizione: “Sul controllo del vicinato non è stato prodotto nulla”.

Bellinato-Siviero, ora è scontro

Roberto Bellinato

Roberto Belinato, consigliere di maggioranza, risponde a Fabrizio Siviero, consigliere di minoranza. Non sembra spegnersi la polemica nell’amministrazione di Arquà Polesine, guidata dal sindaco Turolla, dopo le dichiarazione di Siviero sul controllo del vicinato. “Del consigliere Siviero ormai conosciamo da tempo il modus operandi – afferma Bellinato - fare la vittima e al contempo attaccare con ogni mezzo l'interlocutore ricorrendo sistematicamente a narrazioni di comodo. È infatti facile verificare che sul progetto ‘controllo del vicinato’, punto programmatico che la minoranza si era fatta carico di sviluppare, in modo da presentare al consiglio un regolamento da approvare, non è stato prodotto nulla. Per verificarlo basta chiedere che venga pubblicato quanto hanno presentato ed il relativo protocollo: ad oggi non esiste alcun riscontro concreto alle parole di Siviero. Così come è incredibile la novella che Siviero propina in merito alla rinegoziazione dei mutui - continua il consigliere - la favoleggia come un’iniziativa della minoranza arquatese ed invece tale possibilità arriva nientemeno che dal governo nazionale ed è finalizzata al sostegno ai comuni colpiti dalla generalizzata crisi Covid. In sede di approvazione del bilancio di previsione arriva la proposta del Siviero di rinegoziare i mutui (probabilmente ascoltata al Tg poche ore prima) e in tale sede riceveva il parere negativo dei tecnici comunali, non come millanta per preclusioni politiche di tipo ‘ideologico’ da parte della maggioranza, ma proprio per lacune di carattere tecnico, mancando ancora la pubblicazione ufficiale delle norme attuative”.

“Dal punto di vista politico la maggioranza, molto linearmente e logicamente, si è detta disponibile a valutare la misura una volta delineato il quadro tecnico-normativo nazionale - continua Roberto Bellinato - Così infatti è stato. Ma la favoletta che l’iniziativa fosse partita dal Siviero (e non dal governo) e bocciata per motivi ‘ideologici’ (e non tecnici) continua ad essere ribadita, senza senso alcuno del pudore. Il consigliere politicamente infatti campa di invenzioni e polemiche da ‘social network’ – spiega ancora Bellinato - con credibilità del tutto trascurabile. Tra le varie invenzioni apparse ad uso social in questi anni si può ricordare la pittoresca paventata ‘vendita del castello estense’ al quale il Comune di Arquà sarebbe stato costretto per evitare il dissesto generato da cause legali avverse da decine di milioni di euro. Ovviamente tutte fandonie mai verificatesi facenti parte dell’enorme tomo di macro sciocchezze prodotte dal nostro sull’argomento macroarea. E non dimentichiamo le insinuazioni sulle responsabilità personali degli amministratori locali dipinti sui social come i peggio delinquenti: bugiardi, distrattori di fondi, alteratori del protocollo comunale, addirittura accusati di aver violato la costituzione”.

“Ecco a cosa si è ridotta e come è ridotta l’azione politica di Siviero - conclude Roberto Bellinato - attacchi propagandistici di bassissimo profilo, senza entrare nel merito, senza concretezza, senza analisi documentale. Un approccio che va a malapena bene per qualche malpancista frequentatore di social network”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl