you reporter

La storia

Aprono le attività nel pieno della crisi

Villamarzana rinasce grazie al bar “La Plaza” e al ristorante pizzeria “Da Anna”. Luciano Rossi: “Non ci siamo scoraggiati”. Salvatore Nasso: “Dobbiamo essere ottimisti”.

Aprono le attività nel pieno della crisi

Il taglio del nastro del locale "Da Anna"

Un paese che rinasce grazie a due nuove attività commerciali proprio quando, invece, il resto del mondo vive una delle più gravi emergenze (se non la più grave) dell’era moderna. Stiamo parlando di Villamarzana, un paese di poco più di 1.100 abitanti, che diventa un esempio per tutti: la crisi, a causa dell’emergenza da Coronavirus, c’è ma, con impegno, fiducia e un pizzico di coraggio, si può battere. Infatti, hanno aperto un bar e un ristorante pizzeria in centro.

E’ proprio di venerdì l’inaugurazione del locale “ Da Anna”. Si tratta di un bar, ristorante e pizzeria che si trova in via Roma 14. L’attività era chiusa da poco più di un anno, precisamente dal luglio del 2019. Diverso tempo fa lì si trovava il noto locale “Donald Duck”, famoso e frequentato.

Sono due i titolari, ovvero Anna Battistuzzi e Salvatore Nasso. “E’ sempre stato il mio sogno, da quando ero ragazzina - dice Anna, soddisfatta - Ero dipendente e, dopo essere stata cameriera in diversi locali, ho deciso di fare questo passo. Ce l’ho fatta. Voglio anche ringraziare l’amministrazione comunale”. L’apertura in realtà si sarebbe dovuta fare a novembre, posticipata per terminare al meglio i lavori, finchè non è arrivata l’emergenza Covid 19, che ha fermato tutto. Questo però non ha scoraggiato Anna e Salvatore, che hanno portato avanti il loro progetto con fiducia. Infatti, al momento della ripresa, con la riapertura dopo il lockdown, a maggio, sono ripartiti i lavori. Fino all’inaugurazione avvenuta intorno alle 18 di venerdì. Un locale come questo rappresenta non solo un’attività commerciale, ma è soprattutto un investimento che dà lavoro allo staff: infatti, hanno trovato impiego un cuoco, un pizzaiolo, un barista, una cameriera, a cui si aggiunge Anna. Salvatore Nasso è un imprenditore, ha un’azienda che opera nel settore dell'arredamento per pubblici esercizi. “Villamarzana è in una posizione ottimale - sottolinea Salvatore - è vicina all’autostrada e vogliamo dare un servizio anche a chi è qui per lavoro, come chi è nelle vicine fabbriche, come pure i camionisti. Dobbiamo essere ottimisti, la speranza è che vada tutto bene”.

L’altro locale aperto da poco è il bar “La plaza”, che si trova in piazzale Martiri di Villamarzana, vicino alle scuole. I titolari sono Luciano Rossi di Arquà Polesine e Ruggero Paganin di Pontecchio Polesine. I due soci hanno deciso di aprire il locale che era chiuso dall’ottobre 2019: lo hanno comprato a gennaio, ovvero proprio poco tempo prima che scoppiasse la pandemia da Covid 19 con la conseguente emergenza. “Abbiamo iniziato i lavori a febbraio, ma ci siamo dovuti fermare a causa del Covid 19 - spiega Luciano - volevamo aprire a Pasqua, ma a causa dell’emergenza si è fermato tutto. Noi non ci siamo scoraggiati, nè fermati. I lavori sono ripresi a metà aprile circa. Avevamo già ordinato tutto l’arredamento del locale e abbiamo creduto nel progetto, la fiducia ci sta ripagando. Siamo aperti da un mese, dallo scorso 4 luglio, e sta andando per il meglio”.

Prima di decidere di diventare imprenditori, Luciano e Ruggero erano stati dipendenti (anni fa Luciano lavorava in un’azienda di Villamarzana, Ruggero in un’azienda di Arquà). Avevano poi deciso di aprire due bar: nel 2003 “Al Degheio” a Pontecchio Polesine , poi nel 2007 hanno rilevato il “Cremlino” a Polesella. Quindi, nel 2020, la scelta di rilevare il bar “La Plaza” a Villmarzana, che è bar, con colazioni, cucina e tavola calda in pausa pranzo.

“Abbiamo deciso di investire a Villamarzana perché, dopo aver fatto uno studio, abbiamo visto che la zona era scoperta: qui non c’erano bar - aggiunge Luciano - ringrazio anche il nostro staff, perché il gruppo ci ha appoggiato nella scelta”. In tutto, nei tre bar (tra Pontecchio, Polesella e Villamarzana), lavorano 18 persone (i 16 dipendenti più i due soci Luciano e Ruggero), e per la sola “Plaza” sono state assunte ex novo sei persone, che si turnano, lavorando sette giorni su sette. “Non abbiamo avuto paura delle conseguenze dell’emergenza da Covid, dopo un mese il paese di Villamarzana risponde - sottolinea ancor Luciano - La gente è contenta. Ringraziamo l’amministrazione comunale di Villmarzana, che ci ha aiutato moltissimo, e la comunità del paese, da cui abbiamo avuto appoggio. Peraltro, da noi non viene solo gente del paese, ma anche da fuori, dalle fabbriche vicine e dagli uffici. Siamo contenti dopo questo mese di lavoro: abbiamo affrontato e battuto la crisi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl