you reporter

Porto Viro

Sarto, morto da un mese in ospedale

Il decesso è avvenuto lo scorso 6 maggio. L’uomo era accusato dell’omicidio della zia

Sarto, morto da un mese in ospedale

Dal 6 maggio scorso la salma di Gino Sarto, 70 anni di Porto Viro, è nella camera mortuaria dell’ospedale “Borgo Roma” di Verona. L’uomo, accusato di aver ucciso la zia Mirella Sarto, è morto più di un mese fa nel silenzio più assoluto: è stato il suo legale, Sandra Passadore, ad attivarsi per capire dove fosse il corpo del suo assistito, scoprendo così, che è ancora nel nosocomio. Probabilmente un errore nella comunicazione, un disguido fra gli enti preposti alla base del mistero che fino a ieri si celava sulla salma del defunto.

Probabilmente per Sarto sarà celebrato un funerale di povertà, ma la burocrazia, a questo punto, dovrà fare prima il suo corso. L’uomo era in carcere con l'accusa di avere assassinato la zia Mirella Sarto. Ma di quel delitto non risponderà mai. Il suo legale aveva comunicato il decesso alla forze dell'ordine, chiedendo che venisse informato il sindaco del Comune di residenza. Ma a Porto Viro il corpo di Sarto non è arrivato. Da quì le ulteriori ricerche del legale. L’uomo abitava in via Gorghim, al primo piano dell’abitazione in cui il 9 novembre del 2016 fu trovato il cadavere di Miranda Sarto, 83 anni.

A carico di Gino Sarto, all'accusa dell'omicidio aggravato si aggiunse quella di incendio, dal momento che, secondo la ricostruzione dell’accusa, le fiamme divampate nell’appartamento della zia sarebbero state appiccate di proposito, per nascondere il delitto. La donna, che viveva da sola, sotto l’appartamento del nipote Gino, fu colpita ripetutamente alla testa, all’addome e agli arti superiori con un’arma affilata, prima di ricevere il colpo dal suo aggressore con un vaso di fiori. Poi, le fiamme.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl