you reporter

Corbola

La Cgil: "Mai ricevuto segnalazioni"

Lo stupore di Benazzo dopo le accuse mosse dalla Cisl alla cooperativa sociale.

La Cgil: "Mai ricevuto segnalazioni"

“Ho letto con grande stupore quanto apparso sulla stampa in merito alla cooperativa sociale Corbola Servizi Plurimi, dove i colleghi della Fp Cisl Padova e Rovigo rappresentano una realtà molto grave”. A parlare è il segretario generale della Fp Cgil Rovigo Davide Benazzo che interviene sul caso della coop di Corbola accusata di costringere i lavoratori a pagare degli aumenti di capitale straordinari.

“Conosco la realtà da circa 10 anni nei quali sicuramente gli scontri e gli incontri non sono mancati, ma nulla di diverso da tante altre realtà del settore - spiega - Oltre 50 dei lavoratori e soci lavoratori (in tutto poco meno di 200 con variazioni legate agli appalti) sono iscritti alla Cgil con i quali anche nell’ultimo anno abbiamo fatto assemblee ed incontri e frequentemente siamo in contatto attraverso i normali strumenti di comunicazione. Sicuramente problemi ce ne sono e anche importanti, ma che sono da ascrivere molto alla situazione economica del paese dove come sempre le carenze di risorse economiche ricadono sempre sugli ultimi che spesse volte sono i lavoratori delle cooperative”.

“Alla Cgil in questi anni non è mai capitato di essere contattata da una lavoratrice licenziata, o minacciata di questo, perché non versava soldi alla cooperativa, tanto che oltre 30 socie non hanno versato la quota richiesta e stanno ancora lavorando come anche le dipendenti impegnate nell’appalto di Crespino alle quali non è stato nemmeno chiesto il versamento perché non sono socie. Tanto meno ho avuto segnalazione da parte di lavoratori di presunte appropriazioni indebite di parte del loro stipendio”.

“Cosa che però mi ha colpito più è stata l’accusa di presunto impoverimento del territorio fatta ad una cooperativa che da lavoro a circa 200 persone del Polesine e i soldi che riceve per le attività e i servizi che svolge, anche verso realtà esterne alla provincia, li reinveste sempre nel nostro territorio come successo per la lavanderia industriale. Non è certo mia volontà difendere il cda e il presidente, anche perché quando ci sono dei problemi le responsabilità deve sempre ricadere prima su chi governa. Voglio inoltre sottolineare che la delicata situazione della cooperativa, posta a motivo delle scelte fatte sulle quote sociali, era stata ben rappresentata dal presidente anche alla Cisl, in un incontro organizzato dalla cooperativa, tanto che come sindacati ci eravamo presi l’impegno di farci promotori di incontri con i sindaci dei Comuni sedi delle dtrutture (Ciass e Crespino) dei due appalti più importanti. La sera prima, insieme alla Fisacat Cisl, eravamo in assemblea con le lavoratrici della cooperativa che operano a Crespino dove non era emerso nessuno dei temi poi usciti nei giorni successivi, anzi avevamo concordato di chiedere incontro alla cooperativa per problemi organizzativi e di carichi di lavoro”.

“Anche alla Cgil erano stati posti i problemi legati all’aumento della quota sociale. Durante un’assemblea con i lavoratori era emersa la difficoltà ad ottemperare alla richiesta di ridurre i tempi del versamento e il disagio legato alla situazione dove non tutti i soci si erano resi disponibili al versamento. Per tali motivi avevo mandato una nota dove la Cooperativa aveva risposto risposta) e dato la disponibilità all’incontro che anche la Cisl aveva chiesto. Dopo le uscite pubbliche sono stato contattato da molti lavoratori preoccupati dalla situazione e per questo ho organizzato un’assemblea per lunedì prossimo al fine di verificare la situazione e decidere con i lavoratori le azioni da intraprendere mettendo al centro la salvaguardia dei posti di lavoro”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl