you reporter

Porto Viro

“Per il 2019 ancora più sicurezza”

Il sindaco analizza le attività dell’amministrazione e guarda avanti. Il bilancio di fine anno di Maura Veronese: “Ripristinata la videosorveglianza, impianto implementato ed efficientato”.

“Per il 2019 ancora più sicurezza”

Maura Veronese

A 18 mesi dalla nomina a sindaco del comune di Porto Viro, il sindaco Maura Veronese traccia un bilancio di fine anno dopo un anno e mezzo di amministrazione.

“La chiusura di un anno comporta naturalmente la riflessione e il bilancio sulla propria attività, analizzando ciò che è stato ma anche ciò che è in essere e sarà - afferma il primo cittadino - Anche per un sindaco la fine di un anno rappresenta l’occasione per tirare le somme e, nel nostro caso, si tratta del bilancio di un anno e mezzo di amministrazione. Da giugno 2017 è iniziata una vera e propria corsa senza sosta e confesso che il tempo trascorso sembra molto superiore rispetto a questi 18 mesi, probabilmente per l’impegno profuso al massimo per le tante iniziative messe in atto, dall’ordinaria e alla straordinaria amministrazione della nostra bella città che, come ci siamo prefissi sin dalla campagna elettorale, vogliamo cresca e si sviluppi sempre di più, divenendo un punto di riferimento nel territorio".

"Inizio questo bilancio dalla fine - continua il sindaco Veronese - da un importante risultato raggiunto per cui abbiamo lavorato tanto: da circa una settimana è stata ripristinata la videosorveglianza in città e l’impianto è stato implementato ed efficientato nei varchi e nei diversi punti che monitorano la sicurezza pubblica, contribuendo quindi al lavoro delle forze dell’ordine e della nostra polizia locale, arricchitasi in questi ultimi mesi della professionalità di due nuovi agenti. Significativa è stata in questo primo anno e mezzo la riqualificazione di diverse vie della nostra città, tra cui via Torino, che sarà ultimata definitivamente in primavera (è stato realizzato un binder per permettere alle condotte di assestarsi). Abbiamo iniziato questo processo di riqualificazione e riasfaltatura già lo scorso anno - spiega ancora il sindaco - e l’obiettivo è quello nel lungo periodo, annualmente, di affrontare le diverse situazioni di urgenza, dal momento che da molti, troppi anni, non era mai stato trattato il problema. Ci scusiamo per i disagi che ci sono stati, per la chiusura e la deviazione del traffico, dipesi dal fatto che è stato necessario di concerto con Ascotrade e AcqueVenete spesso procedere alla preventiva riqualificazione anche delle condotte. Sempre in merito ai problemi legati al manto stradale, appena eletti ci siamo prefissati di affrontare una situazione che da troppi anni versa in una condizione pietosa ma di non facile risoluzione: nell’area industriale adiacente alla zona Murazze e a ridosso della strada statale Romea a causa del traffico pesante il piazzale e diverse vie interne sono penosamente dissestate, a discapito quindi delle attività commerciali e delle aziende dell’area”.

Particolare attenzione è stata data anche ai servizi sociali per il cittadino. “Finalmente abbiamo varato un necessario regolamento per l’assegnazione di alloggi per emergenza abitativa e decisamente significativo è l’aver ottenuto il servizio comunale dell’assistente sociale, che rappresenta senza dubbio un’opportunità preziosa per i nostri cittadini e consente di valutare, e dunque prevenire, le situazioni di disagio che possono colpire la nostra comunità. Una ‘novità’ introdotta in questo anno e mezzo è stato senza dubbio un sistema di spazzamento urbano più efficiente in modalità manuale ma anche meccanizzata. In questi mesi abbiamo proceduto d’urgenza alla riqualificazione del tetto della palestra di via Piave e sono diversi gli interventi di manutenzione previsti per i plessi scolastici dell’istituto comprensivo. Abbiamo anche dovuto fronteggiare diverse spiacevoli eredità dagli scorsi amministratori, soprattutto legati a debiti fuori bilancio, come ad esempio la questione Sinergie, che verranno affrontati nel prossimo consiglio comunale, nonché a numerosi contenziosi che stiamo mano mano affrontando e chiudendo in via transattiva. Una situazione che andava affrontata è senza dubbio quella relativa al centro sportivo ‘Luca Doni’. Oltre ad aver agito nei confronti dell’assicurazione del precedente gestore sbloccando a nostro favore le fideiussioni versate, abbiamo emesso il primo bando che purtroppo è andato deserto - spiega il sindaco - confido comunque nell’interesse che il centro sportivo può avere sulla popolazione e dunque spero che i soggetti interessati possano farsi avanti e formulare una proposta di gestione diretta".

"Per il 2019 l’impegno sarà sempre alto e ci vedrà impegnati con entusiasmo e dedizione in diversi ambiti: ancora più sicurezza, per continuare la nostra idea di videosorveglianza, il rifacimento della piazza Caduti Triestini (San Giusto), la riqualificazione dell’area ex vivaio Dune, nonché continuare l’opera di manutenzione del nostro patrimonio viario che rammento essere stato lasciato a se stesso da anni. Già su questo finire d’anno siamo stati impegnati in ambito urbanistico con l’adeguamento del Pat alla nuova normativa regionale e il rinnovo del Pi - conclude il sindaco Veronese - un impegno importante per ridisegnare e aggiornare il territorio e che è stato possibile grazie al lavoro sinergico a fianco della regione del Veneto e alla disponibilità dell’assessore Cristiano Corazzari che, come sempre, ci ha fornito il supporto tecnico essenziale per questo impegno”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl