you reporter

Porto Viro

Porto Viro, un municipio colorato di rosa

Ci sono più donne che uomini assunti come dipendenti comunali: 25 contro 17

Porto Viro, un municipio colorato di rosa

Il comune di Porto Viro è colorato di rosa. Sono più le donne degli uomini a lavorare alle dipendenze dell’amministrazione comunale portovirese, e comunque per quanto riguarda il rispetto del “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna”, la norma è pienamente rispettata.

La giunta comunale, guidata dal sindaco Maura Veronese, ha approvato il piano triennale “Azioni positive 2019-’21”, previsto “per assicurare la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne” è spiegato nella relazione del piano stesso. Si tratta di piani che “promuovono l’inserimento delle donne nei settori e nei livelli professionali nei quali sono sotto-rappresentate e favoriscono il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche ove sussiste un divario fra generi non inferiore a due terzi”. E' una direttiva emanata dal ministro per le Riforme e le Innovazioni Tecnologiche e dal ministero per i Diritti e le Pari opportunità. In questo senso nel comune di Porto Viro, c’è uno sbilanciamento verso le donne tra i dipendenti assunti in municipio.

In totale, sui 43 dipendenti in servizio, 25 sono donne (il 58,14%) i restanti 18 uomini (41,86%). Se poi si guardano le varie posizioni lavorative, nella categoria B ci sono 5 donne e altrettanti uomini, nella C 13 donne e 7 uomini, nella D sono 7 le quote rosa rispetto alle 6 azzurre e solo nella dirigenza la percentuale si sposta a favore degli uomini, 6, rispetto alle donne, 5. Il segretario generale (figura che peraltro viene spesso cambiata nei comuni) è un uomo.

Dall’analisi della situazione del personale in servizio, in un’ottica di pari opportunità di genere, non emergono particolari criticità - si legge nella relazione approvata dalla giunta Veronese - poiché, tenendo conto del sostanziale equilibrio complessivo di personale femminile e maschile e della sua collocazione nei diversi livelli d’inquadramento, non si rileva un divario fra generi nemmeno nelle posizioni”.

La riflessione fatta dall’amministrazione guidata dal sindaco Veronese, rispetto alle azioni da svolgere per rispettare la parità di genere, è quella di “garantire il permanere di uguali opportunità alle lavoratrici donne ed ai lavoratori uomini, valorizzare le competenze di entrambi i generi mediante l’introduzione di iniziative di miglioramento organizzativo e percorsi di formazione professionale distinti in base alle competenze di ognuno, compatibilmente con la normativa vigente in materia di limitazione della spesa del personale”. Inoltre l’amministrazione comunale porrà “particolare attenzione nella gestione del personale negli aspetti relativi alla conciliazione tra la vita familiare e la vita professionale, tra tempi di lavoro e tempi di cura, senza discriminazione di genere”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl