you reporter

Porto Viro

Veronese: “Argine Po, troveremo una soluzione”

Il sindaco di Porto Viro: “Non si può interdire il traffico, abbiamo fatto controlli e ammonito le aziende proprietarie dei mezzi”

Veronese: “Argine Po, troveremo una soluzione”

"Interdire il traffico su una strada significa aggravare quello delle altre, ma se non cambieranno le cose in via Argine Po, dopo gli ammonimenti che abbiamo dato alle ditte interessate, troveremo una soluzione alternativa". Risponde così il sindaco di Porto Viro, Maura Veronese, alla recente interpellanza che è stata protocollata dalla minoranza di Porto Viro. “L’opposizione compatta è intervenuta per ‘appoggiare’ la petizione di alcuni cittadini che avevano rivolto al comune a fine agosto scorso e chiedendo il motivo per cui il rappresentante dei cittadini non abbia avuto alcun riscontro da parte dell’amministrazione - riprende il sindaco, citando i contenuti dell’interpellanza - spiace come la minoranza voglia screditare speculando anche in questo caso sul disagio di alcuni”.

“Anzitutto io stessa ho avuto occasione di parlare telefonicamente con chi si è fatto portavoce di questo gruppo - sottolinea Veronese - e ho anche ricevuto in diversi incontri alcuni dei cittadini. Capisco il disagio che vivono e chiaramente ne sono dispiaciuta”. “La petizione - spiega - riguarda il divieto di transito di mezzi di massa a pieno carico superiori alle 3,5 tonnellate in via Argine Po, nel tratto che da piazza Matteotti porta a Corso Risorgimento. Una volta recepita la petizione si è proceduto subito al monitoraggio da parte della Polizia locale che ha verificato più volte la situazione, con il conteggio dei mezzi pesanti che transitano per la via, dai pullman che portano gli studenti della scuola superiore ai mezzi di trasporto di aziende locali”.

“Chiaramente - prosegue il sindaco - procedere all’interdizione del traffico in una via molto meno battuta di altre, significherebbe gravare il traffico in altre strade e, comunque, impedire il traffico rappresenta sempre una sorta di ultima ratio, dal momento che si ingessa sempre la viabilità di una città. Per ora, come è già stato spiegato agli interessati, la polizia locale ha contattato e ammonito le aziende i cui mezzi transitano per quel tratto, di assumere comportamenti attenti e rispettosi, dalla velocità alla possibilità di limitare le percorrenze”. “Se la situazione dovesse peggiorare e non fosse gestibile - conclude Veronese - è chiaro che si verificheranno altre soluzioni. L’amministrazione comunale ‘appoggia’ la petizione, ‘appoggia’ i cittadini cercando di rispondere a questi bisogni molto più concretamente di questa minoranza che non perde occasione di cavalcare il malcontento e il disagio mostrandosi tanto partecipe quanto inattiva e incompetente quando aveva la possibilità di fare qualcosa realmente”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl