you reporter

Porto Tolle

Flai Cgil: “Futuro della pesca a rischio”

Il segretario Gambillara: “Insabbiamento della laguna di Barbamarco e arginamento dell’acqua dolce nelle sacche”

Flai Cgil: “Futuro della pesca a rischio”

Insabbiamento della laguna di Barbamarco e arginamento dell’acqua dolce nelle sacche del Canarin e di Scardovari sono i punti che la Flai-Cgil del Veneto porta all’attenzione, ammonendo circa i rischi per le attività di pesca e di coltivazione di molluschi nel delta del Po che coinvolgono 1.800 posti di lavoro. “Si accolgano le richieste di chi si misura con la fatica del mare” chiede il segretario regionale della Flai, Andrea Gambillara, che fa presenti le istanze dei pescatori della zona circa i necessari interventi di sistemazione.

Un recente video, circolato sui social, ha riproposto la questione dell’insabbiamento della bocca di porto della Laguna di Barbamarco, sul porto di Pila. “Come Flai-Cgil in quel video riscontriamo tutta la pericolosità della situazione, per le imbarcazioni ma soprattutto per i lavoratori - commenta il sindacato - i presidenti delle cooperative, che costituiscono ormai la più grossa flotta per la pesca del pesce azzurro in Italia, come operatori hanno le idee chiare. L’esperimento di scavo del canale naturale ha confermato che la direzione nord-nord-ovest del canale determina rischio per imbarcazioni e per gli imbarcati. Oltre che incagliarsi, in quel canale navigheranno con il vento di lato e potranno capovolgersi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl