Cerca

Scardovari

Diritti esclusivi di pesca: la petizione blocca Provincia

Un residente di Scardovari, ha lanciato una petizione online diretta al presidente della Provincia Ivan Dall'Ara, che pare tornato sui suoi passi nella decisione di concedere i diritti di pesca al consorzio pescatori di Scardovari. Domani mercoledì 29 maggio il consiglio voterà la revoca.

scardovari[2].JPG

La sacca di Scardovari vista dalla spiaggia

Con una petizione online, un cittadino di Scardovari ha lanciato una petizione online da mandare al presidente della Provincia Ivan Dall'Ara. Domani, 29 maggio, infatti, il consiglio provinciale voterà sulla revoca della delibera di giunta che affida al Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine i diritti esclusivi di Pesca per un altro biennio

"E' bastata la lettera di un avvocato, in nome e per conto di una ditta Delta immobiliare srl per far tornare sui proprio passi il presidente della Provincia, rispetto alla firma della Convenzione avvenuta pochi giorni fa - si scrive nella petizione - Il presidente ora dice che 'il consorzio non rappresenta la totalità dei pescatori'. Ma la società che si oppone nello scopo sociale non ha nulla che riconduca alla pesca. Tuttavia rivendica la proprietà di un terreno sommerso in una piccola Sacca a cospetto della vastità delle Sacche nelle quali il Consorzio opera assieme a 1800 pescatori". 

E continua: "I pescatori di Porto Tolle sono sempre stati rappresentati solo dal consorzio cooperative, e sempre lo saranno, fin dal 1991. I pescatori non sono solo un bacino di votanti da accarezzare con le passerelle politiche. I Pescatori ed il consorzio sono il motore trainante della Provincia di Rovigo, e senza i pescatori ed il loro Consorzio il Presidente della provincia amministrerebbe un territorio fantasma".

Per questo i pescatori chiedono al consiglio provinciale di non revocare i diritti esclusivi di pesca. La petizione si trova su Change.org

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy