you reporter

Diritti esclusivi di pesca

Tempo scaduto, ora si decida

Settimana di fuoco per Palazzo Celio. C’é un pressing per la concessione dei diritti esclusivi di pesca al Consorzio di pescatori di Porto Tolle.

Tempo scaduto, ora si decida

 Sarà una settimana di fuoco, e non solo per le temperature incandescenti di mezza estate, per palazzo Celio. Il cerchio giudirico, politico e sociale sui diritti esclusivi di pesca, che riguardano un comparto da 1.500 pescatori e da oltre 70 milioni di euro all’anno, si stringe attorno alla Provincia.

Sabato Roberto Pizzoli, con altri consiglieri provinciali al fianco, ha chiesto a Dall’Ara di muoversi. E ha lanciato una provocazione: “Dia a me i diritti esclusivi di pesca, li affiderò io”.

Pizzoli ha detto che la Regione ha aperto uno spiraglio, proprio relativamente ai 15 anni. “La Provincia prende atto, per questo ci sono dei pareri che vogliono fare chiarezza - continua il sindaco di Porto Tolle - L’estensione ai 15 anni potrebbe essere praticabile e se il presidente della Provincia Ivan Dall’Ara mi desse la delega di firma, firmerei adesso. Abbiamo cercato soluzioni alternative per dare una durata congrua. In tutta Italia i diritti esclusivi di pesca ci sono solo qui a Rovigo”.

In settimana, dunque, dovrebbe sciogliersi un nodo che dalla Prefettura, all’Avvocatura di Stato, a quella della Regione, ha coinvolto un po’ tutti. Tutti a favore dell’assegnazione delle lagune ai pescatori bassopolesani.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl