you reporter

PORTO TOLLE

Il virus blocca la ricostruzione nella Sacca

L'appello dei pescatori: "Fateci andare avanti, ne va del nostro lavoro"

maltempo scardovari (1)

Le cavane distrutte dalla mareggiata avvenuta nella notte tra il 12 e il 13 novembre

Il coronavirus ferma anche la ricostruzione delle cavane nella Sacca degli Scardovari. L'annuncio, preoccupato, arriva dal mondo della pesca. Tutto era pronto, infatti, per ripartire per ricostruire le casette dei pescatori, dove trovano spazio gli alloggi delle imbarcazioni e tutta la attrezzature, dopo la devastazione che era stata portata nella notte tra il 12 e il 13 novembre scorsi, quando il vento forte aveva abbattuto una sessantina delle cavane, provocando un danno pesantissimo al mondo della pesca di molluschi.

Ad arrestare la ricostruzione, però, ha provveduto il coronavirus, con i cantieri che non sono potuti partire proprio alla luce delle disposizioni d'emergenza per arrestare la crescita del contagio. L'appello che arriva dal mondo della pesca, settore trainante in Bassopolesine, è quello di trovare una maniera che consenta di lavorare in sicurezza, per potere avviare una ricostruzione determinante per non gettare alle ortiche la stagione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl