you reporter

TAGLIO DEL NASTRO

PalaMurazze, un sogno realizzato

Inaugurata la “casa” della forte formazione di Calcio a 5. E svelata anche la Under 19

PalaMurazze, un sogno realizzato

“E’ una sfida! E l’audacia è la virtù dei forti!”. Lo ha ricordato a tutti il direttore generale di Acras Murazze Orazio Pulvirenti, cui fa solidale eco l’allenatore Michele Frizziero: “Partiamo e poi si vedrà!”. Per dire insomma che non è di certo mancato l’entusiasmo al PalaMurazze di Porto Viro (questo, lo si è ribadito a chiare lettere, il nome ufficiale della struttura), mercoledì sera, durante la presentazione della stagione 2020/2021 della squadra di calcio a 5, ancora ai nastri di partenza del massimo campionato regionale; ovvero, la C/1.

Palpabile nell’aria che ci fosse qualcosa di diverso, rispetto alle precedenti edizioni; del resto, tanta la carne messa sul fuoco dal direttivo del club bassopolesano. A cominciare da un palazzetto affidato al “lifting” della ditta “Sartori” di Padova che, impegnata nei lavori da metà giugno a fine agosto e per un costo che ha superato (abbondantemente) i 180mila euro, ha rivoltato la struttura come il classico calzino.

Sistemando completamente la parete ovest, approntando due ingressi per il pubblico, sostituendo la copertura con un doppio telo, dotando il perimetro di serramenti laterali, adeguando le dimensioni del campo alle norme federali, foderando le mura dietro le porte con pareti anti-trauma, cambiando il diffusore dell’aria e posizionando una ringhiera tra la tribuna e il terreno di gioco. E poi l’altra gemma della serata, la “sfida” cui faceva riferimento Pulvirenti; ovvero una squadra under 19 che, di fatto, consente finalmente al Murazze C5 (anzi, Coop.Servizi Acras Murazze al posto del ‘vecchio’ FinPesca Murazze) di fregiarsi della possibilità di partecipare ad un campionato giovanile.

Con il direttore generale che ammette di avere il cuore diviso a metà dalla gioia: “Due desideri che si sono avverati nella stessa serata; con mister Frizziero ci siamo mossi tra le mille difficoltà di una provincia, quella di Rovigo, arretrata rispetto alle altre sulla concezione del calcio a 5 a livello giovanile, ma abbiamo saputo guardare l’orizzonte e poi i lavori ultimati, frutto di sacrifici enormi. Direi che alla fine ne è venuto fuori un buon pari”.

Lunga la lista delle personalità intervenute, con il sempre tambureggiante speaker ufficiale del club Marco Lanza a dettare i ritmi della serata. Dal sindaco Maura Veronese, che ha lasciato il taglio del nastro al vice Doriano Mancin (perché attesa ad una riunione presso la locale Casa di Cura sul tema-Covid), al presidente provinciale Figc Luca Pastorello, al consigliere regionale Argentino Pavanati, alla presidente dell’Acras Murazze Luisa Ferro, che ha letto un discorso di introduzione con la ciliegina del cameo di Cristiano Corazzari, assessore regionale allo Sport.

Per Corazzari una visita-lampo e tanti applausi all’intraprendente realtà portovirese: “Sono rimasto stupito dalla qualità dell’impianto e per noi come Regione è stato importante investire in questa struttura, visto che è un servizio per la nostra comunità. Dove c’è sport c’è ricchezza”.

Benedizione affidata a Don Fabrizio Fornaro e poi proscenio tutto per loro; in maglietta bianca e pantaloni blu la prima squadra e l’under 19 seduti tutti assieme, con Marco Schiavon che parla da vero capitano: “Noi “vecchietti” dovremo essere un esempio per i più giovani”.

Assente (giustificatissimo) Michele Penzo, appena diventato papà di una splendida bambina. Un’altra perla da aggiungere ad una serata speciale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl