you reporter

TAGLIO DI PO

La buona notizia: ok alla ristrutturazione della scuola

Lavori in collaborazione con il Politecnico di Milano. L’accordo prevede un impegno di spesa di 236mila euro

La buona notizia: ok alla ristrutturazione della scuola

La scuola sarà ristrutturata in collaborazione con l’università. Nella recente seduta del consiglio comunale di Taglio di Po si è discusso del progetto di ristrutturazione del plesso scolastico “E. Maestri e G. Pascoli” e, in particolare, dell’importante novità legata al coinvolgimento del Politecnico di Milano nella fase di costruzione del progetto che andrà in gara.

La “Maestri” ospita le medie, la “Pascoli” la primaria. Il consiglio comunale, che ha visto la partecipazione di diversi docenti dell’università milanese tra cui il professor Andrea Adami, l'architetto Massimo Ferrari, il professor Giuseppe Martino Di Giuda, il professor Paolo Oliaro e il professor Marco Schievano, ha analizzato l'accordo che verrà siglato tra il Comune di Taglio di Po ed il Politecnico milanese.

“Uno staff di docenti del Politecnico di Milano, con le loro diverse competenze tecniche, fornirà quel supporto scientifico all'ufficio tecnico comunale per la redazione del progetto definitivo del plesso scolastico di via Manzoni”, ha affermato l’assessore ai lavori pubblici Davide Marangoni, che ha proseguito nell’illustrazione dell’unico punto all'ordine del giorno spiegando: “L’amministrazione comunale, su iniziativa dell'ufficio tecnico, ha deciso di intraprendere un percorso alternativo, costruito su una fattiva collaborazione tra la nostra struttura tecnica comunale e l’università. Vista la complessità degli interventi, che vanno dagli adeguamenti strutturali e sismici all’adeguamento alla normativa antincendio, nonché la trasformazione dell’edificio in un fabbricato a zero consumi energetici, l’amministrazione comunale ha ritenuto che il supporto scientifico e multidisciplinare fornito dal Politecnico potrà essere particolarmente rilevante sotto l'aspetto qualitativo della proposta progettuale”.

Il progetto di riqualificazione e ammodernamento del plesso scolastico passerà attraverso una programmazione di diverse fasi esecutive con l'uso di una nuova metodologia informatica chiamata Bim (Building Information Modelling) che consentirà di gestire le interferenze nella fase esecutiva prima dell'avvio del cantiere, simulando l’esecuzione dei lavori e definendo al dettaglio il controllo dei tempi di realizzazione e soprattutto il controllo dei costi. Inoltre, questa metodologia consentirà anche di avere sotto controllo la gestione dell’immobile nella sua successiva manutenzione con un risparmio generale e distribuito nel tempo di risorse economiche.

L’accordo, redatto ai sensi dell’articolo 15 della legge 241 del 1990, prevede un impegno di spesa di 236mila euro. Tale costo trova copertura all’interno del quadro economico dell'intervento complessivo che è di 4.426.609,50 euro. Dopo l'illustrazione del metodo di progettazione da parte dei docenti presenti, è seguita un'accesa discussione in consiglio comunale, in cui i consiglieri di minoranza hanno espresso la loro contrarietà alla proposta illustrata.

Il punto all’ordine del giorno, difeso dai consiglieri di maggioranza, è stato votato a maggioranza e nell’occasione l'assessore Davide Marangoni ha espresso i propri ringraziamenti allo staff del Politecnico, che ha partecipato al consiglio, e all’ingegner Alessio Mantovani, all’architetto Martina Robbi e al capo ufficio tecnico architetto Paola Dian “per il prezioso lavoro fin qui svolto”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl