Cerca

Porto Levante

Il temporale anticipa il lockdown

Pioggia mista a grandine. I pubblici esercenti preoccupati: “Un anno da dimenticare”

Il temporale anticipa il lockdown

Tuoni, lampi e tempesta in questa domenica di marzo al mare. In particolare a Porto Levante si è verificata una tempesta che ha lasciato a casa i tanti bassopolesani che avrebbero approfittato dell’ultima domenica “arancione” per una passeggiata. Ma la pioggia è caduta in tutto il Delta, così la gente è stata costretta a rimanere in casa, rinunciando all’ultimo barlume di socialità. Anche chi, come gli appassionati di mare, volevano fare un giro in barca, hanno dovuto rimanere in darsena e osservare il cielo grigio da terra. Si sa che marzo è un mese che gioca tra inverno e primavera e alterna giornate splendide a piogge intense. Il proverbio lo descrive bene: “Marzo pazzerello guarda il sole e prendi l’ombrello”. Ieri mattina alle 10, circa, il cielo si è ricoperto di nuvole colme di pioggia e all’improvviso è arrivato un forte temporale. Alla pioggia si è accompagnata a un certo punto, la grandine e coloro che stavano lì, vicino alle loro barche, si sono dovuti rassegnare a trascorrere la domenica con la giacca a vento e in relax forzato.

Questo temporale ha quindi anticipato il lockdown che inizia oggi, lunedì. Di nuovo zona rossa in Veneto come in altre Regioni d’Italia. “Quello che mi auguro è che almeno serva a qualcosa – spiega un ristoratore del posto -. Per noi questo periodo è quello più importante dell’anno perché è in questi giorni che la gente inizia ad uscire di casa. Quindi noi lavoriamo bene il venerdì, sabato e domenica, in periodi senza Covid. Ora siamo piegati da un anno e in più di nuovo zona rossa. Spero che sia davvero la volta buona che questo virus venga sconfitto perché altrimenti gli sconfitti siamo noi che rimaniamo senza soldi e senza lavoro”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy