you reporter

TAGLIO DI PO

L’acqua, filo conduttore del Delta

Storia, cultura e tradizioni nei racconti e nelle letture. Pasetto: “Una bella miscellanea di parole e musica”

L’acqua, filo conduttore del Delta

13/09/2021 - 15:28

La sala conferenze “Giovanni Falcone” di Taglio di Po ha ospitato l’iniziativa “La notte bianca delle biblioteche, promossa dalla Provincia” e organizzata dall’assessore alla cultura Veronica Pasetto e dalle Cooperative “Gradiente” e “Titoli Minori”, che insieme gestiscono il servizio bibliotecario comunale. Tema della manifestazione l’acqua, che nel bene e nel male (basti ricordare le frequenti alluvioni) ha sempre fatto da protagonista nel nostro territorio.

Il Delta moderno, infatti, deve la sua nascita a quella straordinaria opera di ingegneria idraulica che fu il Taglio di Porto Viro, voluto dalla Serenissima per salvare la laguna dall’interramento, deviando il corso del Po. Così terre, prima ricoperte da paludi, canneti e acquitrini, grazie all’uomo e alla sua costante opera di bonifica, emersero dalle acque con l’ausilio di potenti idrovore, come quella di Ca’ Vendramin nel Comune di Taglio di Po. L’acqua è stato ed è ancora il filo conduttore delle laboriose genti del Polesine, nonché un elemento trainante dell’intera economia. Della storia del territorio, della sua evoluzione, della cultura e delle tradizioni che ad esso si accompagnano, hanno raccontato e rievocato le letture a cura di Mirko Porzione, Elena Ottoboni, Morica Berto e l’assessore Pasetto, tratte da dai libri Uomini, terre e acque di Francesco Cazzola, I giorni dell’acqua di Sante Tugnolo, Raccontando di Taglio di Po di Ermete Marangoni, il Delta del Po di Claudio Mancin, Cenni storici intorno al Comune di Taglio di Po di Antenore Siviero, Terra e cielo di Carlo Piombo.

Valore aggiunto della serata, i canti del coro Voci del Delta: La messe, Fiume Po, Taglio di Po, Perchè, Inno alla polenta, Il Delta canta, frutto di un’appassionata ricerca e di un accurato lavoro di recupero e di riproposta, da cui appare evidente il profondo legame tra l’uomo e la sua terra, il Po , il mare. Magistralmente interpretati, i brani hanno regalato un crescendo di dolcissime sensazioni ed emozioni, sfociato in lunghi e scroscianti applausi, preludio di un bis generosamente concesso con Monte Canino.“Una bella miscellanea di parole e musica - ha commentato al termine l’assessore Pasetto - per avvicinare sempre più alle persone la biblioteca, che non deve essere considerato un luogo chiuso, ma un luogo vivo, di socialità e di aggregazione”. Alle parole dell’assessore hanno fatto eco quelle del presidente del coro Luciano Corradin: “Ci fa immensamente piacere ricordare il nostro territorio e lo portiamo sempre con noi, sentendoci virtualmente ambasciatori del Delta“. A conclusione della piacevole serata, un gradito assaggio di un dolce tipico e fette di succosa anguria, offerto dalla Brigata Gustabili.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl