Cerca

SCARANELLO

La chiesa nel cuore del Delta torna a splendere

Una domenica speciale per i fedeli accorsi all’edificio, finalmente restaurato.

La chiesa nel cuore del Delta torna a splendere

I lavori alla chiesetta di Polesinin sono giunti al termine

Giornata di festa per la chiesetta del Polesinin a Porto Viro. Quella di domenica è stata una giornata di festa per i fedeli accorsi alla chiesetta intitolata a San Giovanni Bosco, in località Polesinin, nella frazione di Scanarello, nel comune di Porto Viro, dove alle 17.30 ha avuto luogo un rosario, seguito dalla santa messa.

“Subito un grazie speciale a Don Agostino, per la disponibilità che da anni, con grande amicizia, puntualmente la prima domenica di giugno, presenzia questo appuntamento - si dice in una nota - I partecipanti all’evento erano circa 120, tra fedeli e ‘nostalgici’ che negli anni hanno lasciato quelle terre, ricche di fascino, ma amaramente incapaci di dare opportunità lavorative. Sono molti infatti gli emigrati in Piemonte. All’evento erano presenti anche il sindaco Maura Veronese e il vicesindaco Doriano Mancin, che ogni anno, sono immancabili all’appuntamento”.

La cerimonia si è conclusa con un grande momento di convivialità tra i presenti con un piccolo buffet. “Dopo mesi di grande impegno, iniziati nell’estate del 2021 e proseguiti fino al periodo autunnale, grazie al connubio e reciproco aiuto tra i coniugi Benetti e i giovanissimi ragazzi dell’associazione nazionale reparti giovani esploratori - Sede centrale e sezione di Porto Viro, sono stati eseguiti umili lavori di ripristino della struttura - continua la nota - I ragazzi infatti, aiutati anche da alcuni genitori, in particolare Roberto e Florin hanno effettuato dei lavori di matenimento/restauro rimuovendo in primis due enormi piante di fico che crescevano nelle campate laterali, ricostruendone e impermeabilizzandone il tetto, lavori di muratura a chiusura di crepe e brecce aperte dal tempo nel muro, posizionamento delle finestre e di tiranti per il consolidamento delle strutture e non per ultima la rimessa a nuova vita della campana”.

“Un grazie va a persone come le sorelle Mori, e la famiglia Benetti, in particolare Davide e Riccardo, da anni attenti alla valorizzazione del piccolo santuario, legati anche da un grande affetto, tanto da organizzare ogni anno il santo rosario e la grande festa in questo angolo di paradiso collocato nella campagna deltina - si aggiunge - Tutto partì infatti da loro che, con i coniugi Lino Girello e Mafalda Baraban, emigrati durante la seconda guerra mondiale dal Polesinin in Sardegna per lavorare nelle risaie e poi successivamente a Torino, non mancavano la loro presenza nel recuperare quello che 10 anni fa era un semplice edificio dimenticato e trasformato in discarica”.

“La chiesetta immersa nel profondo Delta Padano, in un atmosfera suggestiva, è ora di proprietà del signor Marco Giol - valle San Leonardo, che ha gentilmente messo a disposizione gli operai della valle per la realizzazione dell’evento e che ringraziamo per aver sostenuto l’iniziativa”, chiude la nota.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy