you reporter

Cade in moto contro una transenna <br/>centauro chiede 30mila euro di danni

37782

23/04/2015 - 19:10

di Marco Randolo

ROVIGO - Una richiesta di risarcimento da oltre 30mila euro per un incidente che è costato la milza ad un centauro. Ieri mattina, il comune si è dovuto difendere in tribunale: di fronte, un uomo, rodigino, 58 anni, che nel 2011 andò a sbattere con la moto contro una transenna in viale Amendola. Nel colpo, l’uomo ha sbattuto l’addome; trasportato in ospedale, gli era stata asportata la milza.
Secondo il motociclista, però, la colpa di quello schianto non è stata sua. La colpa - la tesi dell’accusa - è stata tutta di quella transenna, in mezzo alla strada.

A Rovigo, in quel 23 marzo del 2011, faceva tappa la Settimana Coppi e Bartali, una corsa ciclistica di caratura nazionale. La transenna serviva, appunto, a chiudere la strada per consentire il normale svolgimento della gara. L’uomo, che in sella alla sua moto proveniva da Lendinara e andava verso il centro di Rovigo, non la vide, e andò a sbatterci contro.

E ora chiede al comune un maxirisarcimento: 29.157 euro e ventuno centesimi, a cui vanno sommati gli interessi di oltre quattro anni e la rivalutazione monetaria conseguente. Insomma, un bel malloppo. Che il comune, ovviamente, proprio non vuole pagare.

Chi ha ragione, lo dovrà decidere il giudice. Quella di ieri, infatti, è stata soltanto la prima udienza. Il giudice ha disposto il termine per il deposito delle memorie delle parti, e ha rinviato la questione al prossimo anno. Un anno che il comune vivrà con una spada di Damocle da oltre 30mila euro sospesa sopra la testa.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl