you reporter

Risorse contro gli incidenti sul lavoro<br/>la richiesta dei sindacati al prefetto

dal%20zio[1].JPG

Fulvio Dal Zio

“I sindacati hanno chiesto più ispettori e più risorse per contrastare gli incidenti sul lavoro in Polesine, dove si registra un tasso di rischio di infortuni superiore al 60 per cento alla media regionale”. Fulvio Dal Zio, segretario generale della Cgil provinciale, riferisce che sono queste le richieste che, d'intesa con i colleghi di Cisl e Uil, sono state portate sul tavolo operativo convocato, ieri mattina a Palazzo Salvadego Sgarzi, dal prefetto Francesco Provolo.
“Apprezziamo sinceramente – sottolinea Dal Zio – la disponibilità e l'operatività del dottor Provolo. Il confronto non è stato rituale, ma concreto e di merito, anche grazie al contributo degli enti di vigilanza e delle forze dell'ordine. Quel che è chiaro, per esempio, è che servono più ispettori. Per 12 ispettori teoricamente in servizio, 7 a Rovigo e 5 ad Adria, in servizio presso lo Spisal in Polesine vi è un'operatività reale calcolata in 9,7 unità, di cui 4 ad Adria. Numeri insufficienti, in un territorio esteso e, purtroppo, segnato da un elevatissimo numero di sinistri. Nel 2014, sono stati denunciati 2.149 infortuni sul lavoro, di cui 1.660 nel comprensorio dell'Usl 18, ossia Alto e Medio Polesine, e 489 in quello dell'Usl 19, cioè nel Delta del Po”.
Al lavoro di prevenzione e repressione, necessariamente, si deve affiancare quello di formazione. “Vi è un limite forte nella cultura della sicurezza – conclude Dal Zio – questo significa, non solo, che aziende e lavoratori debbono essere incentivati a partecipare ad attività di formazione, ma che si devono accompagnare questi soggetti verso percorsi mirati e di qualità".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl