you reporter

Centralinista cieca, l'Iras la rifiuta <br/> ma il Consiglio di Stato gli dà torto

38231
ROVIGO - Quell’assunzione si deve fare. All’Iras di Rovigo arriva una nuova centralinista: lo ha deciso la Provincia e lo ha ordinato il Consiglio di Stato, dopo che l’istituto di assistenza sociale si era opposto a quel nuovo posto in organico.

“I problemi organizzativi e di contenimento della spesa, seppur oggettivamente comprensibili - scrive infatti il massimo organo di giustizia amministrativa nella propria sentenza - non esimono l’ente pubblico dal dare attuazione all’obbligo di assunzione impostogli dalla legge”.

Sì, perché la signora in questione è non vedente, in possesso della qualifica professionale di centralinista e iscritta all’apposito albo di categoria. E per questo “anche in deroga a disposizione che limitino le assunzioni, i datori di lavoro pubblici sono tenuti ad assumere, per ogni ufficio, un privo di vista iscritto all’albo professionale”.

Senza contare che Iras si è difesa dicendo che il centralino in uso è automatico, ma quando sono scattati i controlli in servizio c'era un centralinista in carne ed ossa, assunto...
Il servizio sulla Voce in edicola

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl