you reporter

Luca Zaia sprona i militanti rodigini<br/>"Andate a caccia di voti"

zaia[1].JPG
Sicurezza, legalità, limiti all’immigrazione e sanità veneta d’eccellenza. Il mantra del Zaia pensiero è stato ripetuto ieri a Rovigo in piazza Vittorio Emanuele. Il presidente della Regione Veneto è tornato in città per sostenere la corsa del candidato sindaco Massimo Bergamin e per spronare i militanti ad andare a “caccia di voti”.
“Occorre fermare l’invasione - ha dichiarato Zaia - dire agli immigrati che in Veneto non ci sono più posti disponibili". Altro tema forte la legalità: “Per chi commette reati ci deve essere la galera, e per qualcuno anche la cura del manganello. Per dare sicurezza alla cittadinanza servono pene certe, e severe”.
Sulla sanità ha precisato che “il Veneto non ha applicato l’addizionale Irpef, e i ticket che si pagano sono quelli imposti dallo Stato. Se in Italia la sanità funzionasse come in Veneto non ci sarebbero 30 miliardi di euro di debiti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl