you reporter

Ricomincia la guerra dei rifiuti <br/>grana da risolvere per Bergamin

La vicenda

45572

24/08/2015 - 11:00

di Marco Randolo

ROVIGO - Nei prossimi giorni riprenderà vigore la lotta polesana sui rifiuti, con al centro dello scontro la discarica di Villadose, il futuro di Ecoambiente e dei vertici del Consorzio Rsu.

Il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin ritornerà pienamente operativo dopodomani, sarà quello il momento per la partita finale.

Ma in questi giorni la calma è stata tutt’altro che piatta, anzi il movimento è continuato e le posizioni, soprattutto nel centrodestra, rimaste distanti. E fra i sindaci sarebbe già iniziato a circolare, o lo sarà tra poco, un documento per impegnare il territorio ad una nuova gestione del sistema rifiuti. Il documento dovrebbe vincolare alla costituzione del consiglio di bacino per la gestione dei rifiuti.

Inoltre rilanciare il processo di fusione fra Ecoambiente e Consorzio Rsu. Quindi, ed è questo il punto più delicato, lavorare ad un ridimensionamento della discarica in corso di realizzazione a Villadose. Cosa che poi presupporrebbe la ricerca di altre vie per lo smaltimento dei rifiuti prodotti in Polesine. “Portarli da altre parti - sottolinea Federico Simoni, assessore di Adria e da tempo ‘malpancista’ sul progetto discarica - in Veneto ci sono tanti inceneritori che cercano rifiuti perché in circolazione ce ne sono sempre meno. Inoltre pensare ad altri modi di smaltirli, con nuove forme di riciclo. La discarica Taglietto 1 così come è pensata è eccessiva. Rivederla si può. Occorre però che si esprimi il territorio, cioè l’assemblea dei sindaci”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl