you reporter

Irifor, soldi in arrivo ma è protesta <br/> Trombini: "Garanzie dalla regione"

Istruzione

46025

04/09/2015 - 11:30

di Marco Randolo

ROVIGO - Trentacinque posti di lavoro in bilico, ma quello che forse è peggio sono gli ottanta bambini con disabilità sensoriali, di tutto il Polesine, che potrebbero vedersi negato il loro diritto allo studio, e che mercoledì 16 settembre, primo giorno di scuola, rischiano di restare a casa, perché chi, tra i banchi, si è preso fin’ora cura di loro ora non lo può più fare. Perché i sei milioni di euro che la regione aveva destinato a questo capitolo di bilancio sono spariti, e la provincia - che gestisce direttamente il servizio - non ha risorse per garantirlo in proprio.

E la Cgil scende sul piede di guerra e annuncia, per venerdì 11 settembre, un presidio di fronte a palazzo Celio, con gli operatori dell’Irifor, l’istituto per ricerca, formazione e riabilitazione, appunto, e le famiglie degli ottanta ragazzi che beneficiavano del servizio. Non solo: il sindacato del quadrato rosso - per bocca del segretario provinciale della Funzione Pubblica Davide Benazzo - minaccia una denuncia per interruzione del servizio.

Ma la provincia respinge le accuse: “Stiamo lavorando su questo fronte dall’inizio dell’anno - spiega il presidente Marco Trombini - ho incontrato l’assessore Manuela Lanzarin, che mi ha assicurato che presto saranno ristabilite le somme necessarie. Però ci sono dei tempi tecnici con i quali dobbiamo fare i conti”.
Insomma, i sei milioni di euro arriveranno. Dentro, anche i 700mila che servono per prorogare il contratto (scaduto il 10 giugno) all’Irifor. Una volta stanziati, la provincia dovrà varare una variazione di bilancio. E Trombini fissa già la data: l’ultima settimana di settembre. Obiettivo, far partire l’anno scolastico, per questi 80 bambini, dal primo di ottobre, una quindicina di giorni dopo gli altri compagni di classe. “Ma la colpa di tutto questo è della legge Delrio, che ci ha obbligati come provincia a fare i conti con 8 milioni e mezzo di euro in meno a bilancio - contesta Trombini - noi di passare da vittime a carnefici non ci stiamo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl