you reporter

Azzalin all'attacco della giunta Zaia <br/> sul riordino degli enti strumentali

Regione

46261

10/09/2015 - 11:30

VENEZIA - Nel mirino del Pd il progetto di legge regionale 21, che comporterebbe di fatto il commissariamento di tutti i consigli di amministrazione (presidenti inclusi) degli enti strumentali.

“Un vero e proprio colpo di mano con il quale Zaia e la sua Giunta espropriano di un sol colpo il consiglio regionale della sua capacità decisionale e al tempo stesso decapitano gli enti strumentali regionali, accentrando tutto il potere nelle mani dello stesso Zaia che ne provvederà a nominare i commissari”.

Per i consiglieri regionali del Pd, di cui Graziano Azzalin si fa portavoce in questa fase, il progetto di legge 21, a prima firma Zaia, con il quale si fanno decadere presidenti e consigli di amministrazione di consorzi di bonifica, Avepa, Azienda regionale per il diritto allo studio, Istituto regionale Ville Venete, Veneto Lavoro, Ater, Istituto zooprofilattico sperimentale, Veneto Agricoltura e Agenzia veneta per l'innovazione nel settore primario, oltre a Parco dei Colli, Parco del Sile, Parco del Delta, Parco delle Dolomiti e Parco della Lessinia, si tratta di “un fatto senza precedenti compiuto in pieno spregio di tutti i meccanismi democratici ed all'insegna della mistificazione: si parla di risparmi ma la verità è l'incapacità di provvedere alle riforme annunciate ed ancora al di là da venire”.
“Invece di provvedere con una legge di riordino, ci si limita a cancellarne i vertici appena rinnovati con regolari elezioni: bella democrazia, bel modo di amministrare”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl