you reporter

Sgombero all'ex Maddalena vuoto <br/> gli abusivi erano già spariti

Rovigo - Commenda

46358

11/09/2015 - 11:30

di Alberto Garbellini

ROVIGO - E’ scattato alle 8 del mattino lo sgombero dell'ex ospedale Maddalena.
Uno sgombero “telefonato” in quanto nei giorni precedenti il comune di Rovigo aveva fatto affiggere dei cartelli che avvisavano dello sgombero di ieri. Cartelli in cui si comunicava agli “avventori” dei luoghi di sgomberare gli edifici. Ecco che ieri allora al momento del blitz, ormai non più tale, le stanze dell’ex ospedale erano vuote. Evidenti però i segni di bivacchi e occupazioni nei giorni scorsi.

L’operazione ieri è stata fatta solo dall’amministrazione comunale, sul campo 15 agenti della polizia locale coordinati dal comandante Giovanni Tesoro e dallo stesso sindaco Massimo Bergamin che si è così reso conto personalmente delle condizioni dell’area.

Lo sgombero quindi di fatto era già stato nella forma di autosgombero, ma l’attività del comune è stata anche quella di provvedere ad evitare future occupazioni. Con il sindaco ieri c’era anche la proprietà, e poi una squadra di muratori che hanno iniziato a lavorare per “blindare” l’immobile. Una delle porte murate nei mesi scorsi, infatti, era stata aperta, un varco per abusivi in cerca di un riparo. La porta poi è stata murata in maniera più efficace, non solo mattoni, ma cemento armato.
“Non solo - spiega il sindaco - per il futuro assicuriamo maggior controllo all’area, che è ad alto rischio, non solo all’immobile ma anche allo spazio esterno”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl